New York, exchange indagati: sotto accusa Binance e Kraken
New York, exchange indagati: sotto accusa Binance e Kraken
Criptovalute

New York, exchange indagati: sotto accusa Binance e Kraken

By Fabio Lugano - 20 Set 2018

Chevron down

A New York, exchange internazionali sotto indagine. Si tratta di Binance, Kraken e Gate.io.

Read this article in the English version here.

La decisione è stata del procuratore generale dello stato di New York, Barbara Underwood; l’accusa è di aver aver rifiutato di fornire le informazioni richieste dagli USA.

Il procuratore ha affermato che i cittadini del suo Stato hanno diritto allo stesso grado di trasparenza sia che investano in borsa, sia nella criptovalute e che “Molte piattaforme basate sulle valute virtuali non hanno le procedure necessarie per garantire la correttezza, l’integrità e la sicurezza delle proprie transazioni”.

Per il procuratore, di particolare gravità è la mancanza di protezione per gli investitori da pratiche distorsive del mercato, dato che pochi hanno fatto sforzi seri per limitare le pratiche manipolative, l’uso di bot e il trading algoritmico.

Il procuratore ha inoltre messo in evidenza come i fondi dei risparmiatori siano in pericolo e che il loro modus operandi degli exchange come Binance e Kraken non consenta di tutelare il denaro in modo adeguato, soprattutto a causa delle attività di trading degli exchange stessi.

Il procuratore aveva chiesto informazioni in modo ufficiale a questi exchange fin da aprile scorso.

Il fondatore  e CEO di Kraken, Jesse Powell, ha definito un insulto le osservazioni del procuratore, facendo notare che Kraken non opera nello Stato dal 2015 proprio a causa di un atteggiamento ostile verso le criptovalute e verso il business.

Inoltre il CEO ha attaccato direttamente l’ufficio del procuratore con un tweet, facendo maliziosamente notare che la comunicazione delle indagini è stata fatta proprio il giorno prima della scadenza dei contratti future del CBOE, insinuando quindi la possibilità che vi siano state delle manovre sui prezzi.

Lo Stato di New York è stato fra i primi a creare una normativa ad hoc per gli exchange e le attività che coinvolgono le valute virtuali, la BitLicence, entrata in vigore nel 2015.

Fabio Lugano
Fabio Lugano

Laureato con lode all'Università Commerciale Bocconi, Fabio è consulente aziendale e degli azionisti danneggiati delle Banche Venete. E' anche autore di Scenari Economici, e conferenziere ed analista di criptovalute dal 2016.

Utilizziamo i cookie per essere sicuri che tu possa avere la migliore esperienza sul nostro sito. Se continui ad utilizzare questo sito noi assumiamo che tu ne sia felice.