Bitcoin in Cina, il più storico magazine cinese contro il ban delle crypto
Bitcoin in Cina, il più storico magazine cinese contro il ban delle crypto
Bitcoin

Bitcoin in Cina, il più storico magazine cinese contro il ban delle crypto

By Marco Cavicchioli - 2 Ott 2018

Chevron down

Nonostante del ban delle crypto, bitcoin in Cina continua ad essere molto popolare.

Read this article in the English version here.

E, sulla scia della notizia di ieri dell’ETH Hotel, oggi si scopre che anche il Beijing SciTech Report ha deciso di accettare i pagamenti in bitcoin per la campagna abbonamenti del 2019.

Infatti, la più storica tra le pubblicazioni tecnico-scientifiche del Paese, che secondo quanto riportato da Asia Times ha deciso di accettare i pagamenti in bitcoin per gli abbonamenti.

Bitcoin in Cina

Ufficialmente il bitcoin in Cina è vetato, come anche l’utilizzo delle altre criptovalute, tuttavia pare che i cittadini continuino ad utilizzarle.

L’obiettivo del giornale cinese sarebbe quello di raggiungere nuovi lettori interessati a queste nuove tecnologie di pagamento digitale.

BSTR si è occupato già diverse volte di criptovalute e casi di utilizzo della blockchain. E questo interesse è effettivamente dimostrato dalla decisione di accettare BTC, che di fatto promuove l’uso di queste tecnologie in un contesto reale.

Il costo dell’abbonamento annuale sarà di 0,01 BTC, ovvero circa 450 yuan o 65 dollari americani.

Inoltre, nel caso in cui il prezzo di bitcoin dovesse crescere significativamente entro il 2020 BSTR offrirà rimborsi a coloro che avranno sottoscritto l’abbonamento pagando in BTC.

In effetti molti detentori di BTC spesso preferiscono conservarli, piuttosto che spenderli, proprio nella speranza che in futuro aumentino di valore. Promettere la restituzione di una parte dell’eventuale valore acquisito nel tempo consente alla pubblicazione di incentivare un po’ la spesa dei bitcoin.

In realtà, già altre pubblicazioni simili hanno aperto le porte ai pagamenti in bitcoin, ma ancora nessuna lo aveva fatto in Cina.

La cosa in effetti stupisce, perché teoricamente nel Paese l’acquisto di bitcoin sarebbe vietato, tuttavia il divieto si riferisce al cambio di moneta fiat (Yuan, o Renminbi) in criptovalute, e non all’utilizzo delle medesime come mezzi di pagamento.

Marco Cavicchioli
Marco Cavicchioli

Classe 1975, Marco è un docente di web-technologies e divulgatore online specializzato in criptovalute. Ha fondato ilBitcoin.news, ed il suo canale YouTube ha più di 25mila iscritti.

Utilizziamo i cookie per essere sicuri che tu possa avere la migliore esperienza sul nostro sito. Se continui ad utilizzare questo sito noi assumiamo che tu ne sia felice.