Criptovalute e finanza decentralizzata. Storia e vantaggi della Blockchain
Criptovalute e finanza decentralizzata. Storia e vantaggi della Blockchain
Criptovalute

Criptovalute e finanza decentralizzata. Storia e vantaggi della Blockchain

By Adrian Zmudzinski - 11 Nov 2018

Chevron down

Per capire davvero i vantaggi della finanza decentralizzata messa in piedi da Bitcoin e dalla blockchain, prima bisogna comprendere quali problemi porta la finanza tradizionale e il sistema bancario a riserva frazionaria.

Read this article in the English version here.

Quello che infatti pochi comprendono è l’ambiente e il periodo storico in cui Satoshi Nakamoto inventava Bitcoin e per quale motivo lo ha fatto.

Per iniziare a farsi un’idea, basti pensare alla crisi finanziaria del 2008.

Secondo The Balance, questa crisi è stata causata dalla mancanza di regolamentazione finanziaria che ha permesso alle banche di partecipare al trading speculativo dei derivati.

A sua volta, questo ha spinto le banche ad accendere un maggior numero di mutui per poter lucrare sulla vendita dei derivati. Quindi sono stati creati mutui con sola quota di interesse che sono stati resi accessibili anche ai creditori meno affidabili.

Questo succedeva quando nel 2004 la Federal Reserve ha aumentato il tasso di interesse federale, da alcuni definito “il tasso d’interesse più importante al mondo.”

In poche parole si tratta del tasso d’interesse che le banche richiedono quando prestano i fondi della Federal Reserve. Ed è proprio questo tasso che viene utilizzato per regolare la crescita economica degli Stati Uniti.

Questo aumento è avvenuto proprio quando il tasso d’interesse era soggetto a ricalcolamento. Il mercato immobiliare è collassato, l’offerta era superiore alla richiesta.

A questo punto, quando il prezzo dei derivati è collassato, le banche hanno cessato di emettere prestiti e la crisi di cui tutti siamo a conoscenza ha avuto inizio.

Cosa affrontano le criptovalute

Molti non sanno che nel primo blocco di Bitcoin, il cosiddetto genesis block, è integrato l’hash della seguente stringa: “The Times 03/Jan/2009 Chancellor on brink of second bailout for banks.”

Questa è la testata del “Times” che spiegava, il 3 gennaio del 2009, come le banche stavano per ricevere un secondo finanziamento nella speranza di salvarle, a spese dei cittadini.

L’integrazione di questo messaggio è un modo per ribadire chiaramente qual è il motivo per cui bitcoin (e buona parte delle criptovalute che lo hanno seguito) è stato inventato.

Infatti, Bitcoin è stato creato il 3 gennaio 2009 come sistema alternativo alla finanza tradizionale ed alla riserva frazionaria che hanno portato a questa crisi.

Nessuna persona o istituzione dovrebbe avere il potere di compiere azioni dalle conseguenze tanto vaste e per la prima volta, con Bitcoin, esiste una alternativa.

I vantaggi delle valute decentralizzate

Prima di elencare i vantaggi delle valute decentralizzate è il caso di precisare che non tutte le criptovalute portano queste caratteristiche

. Infatti, non sono pochi i token che in realtà hanno un’amministrazione centralizzata.

La mancanza di un’amministrazione centrale è uno dei principali vantaggi delle criptovalute.

Non a caso una caratteristica di bitcoin particolarmente apprezzata è che nessuna banca centrale può stamparne a volontà causando inflazione.

Un altro dei vantaggi delle criptovalute è che ognuno ha la possibilità di tenere grandi quantità di denaro e poterlo amministrare liberamente senza cederne il controllo a terzi (nel caso delle valute fiat si tratta solitamente di riserve frazionarie).

Questo è possibile perché, senza sostenere grandi sforzi economici, è possibile metterle in sicurezza, sfruttando servizi offerti da terze parti che però consentono solo a chi le possiede di accedere ai propri fondi.

Solitamente il massimo che una persona può raggiungere come livello di sicurezza in modo autonomo è avere una cassaforte che, però, con un po’ di tempo può essere sempre compromessa, per non parlare del fatto che la persona in questione può essere costretta ad aprirla.

Nel caso delle criptovalute un non-custodian wallet, se tenuto bene, è ben più sicuro. Chi invece desidera ulteriore sicurezza può ricorrere a multisignature wallet, dove più chiavi private devono essere utilizzate per accedere ai fondi.

Questa caratteristica è più importante rispetto a quanto ci si potrebbe aspettare perché è proprio da questa che consegue il potenziale delle criptovalute di rendere possibile un sistema finanziario dove ognuno ha il totale controllo dei propri fondi.

Infatti, le riserve frazionarie con le criptovalute sono possibili proprio come lo sono con le valute fiat, se ci si affida a terze parti per la loro gestione. In fondo, MasterCard ha già brevettato un sistema simile.

Adrian Zmudzinski
Adrian Zmudzinski

Adrian è un appassionato di tecnologia e IT, specializzato nell'analisi di token, tecnologia blockchain e crypto. Il suo interesse verso Bitcoin risale al 2009, espandendosi al mondo delle crypto più in generale. Le sue analisi si concentrano per lo più sulle potenzialità tecnologiche alla base dei token.

Utilizziamo i cookie per essere sicuri che tu possa avere la migliore esperienza sul nostro sito. Se continui ad utilizzare questo sito noi assumiamo che tu ne sia felice.