La soluzione su blockchain di SIX Swiss Exchange arriverà in 10 anni
Blockchain

La soluzione su blockchain di SIX Swiss Exchange arriverà in 10 anni

By Marco Cavicchioli - 14 Nov 2018

Chevron down

Già a luglio SIX Swiss Exchange, la società che gestisce la borsa di Zurigo, aveva annunciato che stava lavorando ad una nuova soluzione blockchain per la negoziazione e la custodia di asset digitali.

Read this article in the English version here.

Ora Reuters riferisce che la società si aspetta che questa nuova piattaforma basata su blockchain sostituirà la sua attuale piattaforma di trading tradizionale entro un decennio.

Infatti, sebbene la negoziazione dei titoli su SIX avvenga da tempo in maniera completamente elettronica, alcune fasi di elaborazione sottostanti sono ancora basate su carta e posta tradizionale.

A tal proposito, Thomas Zeeb, responsabile dei titoli e delle borse di SIX Swiss Exchange, ha dichiarato:

“Il sistema esistente potrebbe essere completamente sostituito dallo scambio digitale in circa 10 anni”.

Il SIX Digital Exchange (SDX) come già annunciato dovrebbe essere lanciato a metà del 2019, ma inizialmente sarà una piattaforma blockchain parallela a quella attuale.

Tuttavia, grazie al libro mastro distribuito su blockchain, le transazioni potranno essere completate in frazioni di secondo, al posto che diversi giorni come avviene a volte ora a causa dei tre passaggi per completare un acquisto o una vendita di titoli.

Zeeb ha anche aggiunto:

“Il momento in cui broker, banche, compagnie assicurative e grandi gestori patrimoniali vedranno davvero i vantaggi in termini di costi, si muoveranno relativamente velocemente”.

Un elemento critico ancora da chiarire sono le questioni legali con l’Autorità svizzera di vigilanza sui mercati finanziari.

Ci vorrà presumibilmente ancora del tempo per chiarire questi aspetti, e probabilmente quando SDX sarà online inizialmente offrirà il trading solo per alcuni titoli selezionati, seguiti poi da altre azioni e obbligazioni, o fondi negoziati in borsa.

In futuro invece, grazie alla tokenizzazione, anche le risorse che non sono titoli, come ad esempio quadri o auto d’epoca, potrebbero essere scambiati su SDX sotto forma di token.

Per ora però, SDX non consentirà lo scambio di criptovalute (intese come token di pagamento), ma solo di security token o token di proprietà come i token non fungibili.

Marco Cavicchioli
Marco Cavicchioli

Classe 1975, Marco è un docente di web-technologies e divulgatore online specializzato in criptovalute. Ha fondato ilBitcoin.news, ed il suo canale YouTube ha più di 11mila iscritti.

Utilizziamo i cookie per essere sicuri che tu possa avere la migliore esperienza sul nostro sito. Se continui ad utilizzare questo sito noi assumiamo che tu ne sia felice.