TON: la piattaforma di Telegram è completa al 90%
TON: la piattaforma di Telegram è completa al 90%
Blockchain

TON: la piattaforma di Telegram è completa al 90%

By Amelia Tomasicchio - 4 Feb 2019

Chevron down

La piattaforma blockchain di Telegram, TON, è completa al 90%. A dirlo non sono più rumors e voci di corridoio, ma un PDF inviato agli investitori della pre-sale di GRAM.

Read this article in the English version here.

Il titolo del PDF, datato 28 gennaio, spiega già tutto: “I progressi generali verso la versione di test: 90%”.

Proseguendo nella lettura, il documento delinea lo stato dei lavori punto per punto, a partire dalla percentuale di completamento della Ton Virtual Machine (95%), del Ton Network (80% per quanto riguarda l’ADN – il protocollo di rete overlay di basso livello sulle reti IP – mentre il 100% per i protocolli di streaming broadcast e per il protocollo CATCHAIN, ovvero una variante di dei protocolli broadcast studiati per implementare i protocolli di consenso BFT e per risolvere i task di consenso in gruppo simili in una rete overlay chiusa).

Ton piattaforma Telegram completa al 90%

La piattaforma TON di Telegram, quindi, è a un buon punto di sviluppo, purtroppo però il documento non dà indicazioni sulle tempistiche di rilascio del prodotto finale.

Anche per quanto riguarda la validazione e venerazione dei blocchi della TON Blockchain, il PDF spiega che almeno l’80% dei lavori è pronto: la documentazione, la libreria di manipolazione dei blocchi e il protocollo di consenso del validatore BTF sono al 90% di sviluppo.

Mentre si trova ancora al 60% il software di validazione, ovvero il programma che usa la libreria di manipolazione per generare nuovi blocchi, validare i blocchi candidati proposti da altri validatori e archiviare il consenso nel blocco successivo.

Ancora indietro nei lavori sono anche lo sviluppo dello smart contract e il suo debug (attualmente al 50% completi) e i fondamentali e semplici smart contract (ora al 20%).

Amelia Tomasicchio
Amelia Tomasicchio

Esperta di digital marketing, Amelia inizia a lavorare nel settore fintech nel 2014 dopo aver scritto la sua tesi di laurea sulla tecnologia Bitcoin. Precedentemente è stata un'autrice di Cointelegraph e CMO di Eidoo. Oggi è co-founder e direttrice di Cryptonomist.

Utilizziamo i cookie per essere sicuri che tu possa avere la migliore esperienza sul nostro sito. Se continui ad utilizzare questo sito noi assumiamo che tu ne sia felice.