Seth Godin evidenzia i limiti del controllo centralizzato
Seth Godin evidenzia i limiti del controllo centralizzato
Blockchain

Seth Godin evidenzia i limiti del controllo centralizzato

By Marco Cavicchioli - 25 Mar 2019

Chevron down

In un recente post sul suo blog il guru del web marketing, Seth Godin mette in guardia dal controllo centralizzato.

Read this article in the English version here.

“Il controllo centralizzato è fantastico finché non lo è più”.

Facendo l’esempio di Google, che oramai di fatto controlla ciò che viene creato in molti angoli del web, Godin spiega, “se il tuo progetto non è compatibile con Google, probabilmente non verrà realizzato“, oppure “se prima era Google-friendly ma non lo è più, sparirà”.

Questo controllo centralizzato funziona fino ad un certo punto, dopodiché “sul lungo periodo la coda lunga ha meno possibilità di prosperare e scompare la potente magia della scelta”, spiega sempre Godin.

A questo punto abbandona il suo ambito (ovvero il web), ed amplia l’orizzonte del suo ragionamento agli Stati.

“Se un’autorità governativa centralizzata decidesse quali notizie e contenuti guardiamo, filtrasse la nostra posta in arrivo e regolarmente mandasse in bancarotta i concorrenti che non gli piacciono, probabilmente si solleverebbe più di una protesta. L’alternativa rimane la potenza della connessione peer-to-peer. Non l’autorità centralizzata di un algoritmo sconosciuto, ma un radicale cambiamento culturale che si verifica quando le persone trovano gli altri. Quando creiamo qualcosa che funziona meglio quando è condiviso, è più probabile che sia condiviso”.

Godin con i suoi Akimbo workshops è già da tempo impegnato con il cosiddetto peer-to-peer learning, ovvero la formazione distribuita non tra insegnanti e studenti, ma tra studenti stessi che si insegnano le cose l’un l’altro.

Ma in questo post va molto oltre l’insegnamento, sconfinando in un ambito molto più generico, che non ha strettamente a che fare con la formazione.

Stavolta parla proprio genericamente della centralizzazione come un limite allo sviluppo, superabile con la decentralizzazione peer-to-peer.

Non cita mai la parola “decentralizzazione”, ma visto che propone un’alternativa P2P alla centralizzazione, il concetto a cui fa riferimento, pur senza citarlo direttamente, è questo.

Visto che Seth Godin è un vero e proprio punto di riferimento mondiale per il web, oltre che pioniere del web-marketing, questa sua presa di posizione può far pensare che si stia schierando a favore della decentralizzazione come alternativa in grado di produrre maggiore sviluppo della centralizzazione. Se ciò fosse vero, per la decentralizzazione avere un nuovo sostenitore come Seth Godin potrebbe essere una vera e propria svolta a livello globale.

Marco Cavicchioli
Marco Cavicchioli

Classe 1975, Marco è un docente di web-technologies e divulgatore online specializzato in criptovalute. Ha fondato ilBitcoin.news, ed il suo canale YouTube ha più di 25mila iscritti.

Utilizziamo i cookie per essere sicuri che tu possa avere la migliore esperienza sul nostro sito. Se continui ad utilizzare questo sito noi assumiamo che tu ne sia felice.