USA: registrati decine di trademark sulle crypto
USA: registrati decine di trademark sulle crypto
Criptovalute

USA: registrati decine di trademark sulle crypto

By Fabio Lugano - 1 Mag 2019

Chevron down

L’inizio del 2019 ha visto negli USA un rinnovato interesse per la registrazione di trademark collegati alle crypto, così come segnalato dal database USPTO. Alcuni di questi trademark crypto sono legati alle grandi major, mentre altri sono stati invece presentati da piccole società.

Read this article in the English version here.

Fra le grandi società, questa ondata è iniziata con Samsung che a dicembre ha registrato il proprio trademark crypto riferito ai wallet su smartphone, ma c’è anche Cryptokicks, il marchio commerciale registrato da Nike che potrebbe portare sia ad un portale di e-commerce sia ad altri servizi collegati alle valute virtuali.

Altre società come Amazon, Mastercard e Walmart hanno registrato a livello globale marchi per servizi il cui sviluppo è ancora in corso e la cui finalità non è stata ancora resa nota.

La parte più consistente delle registrazioni proviene, però, da piccole società o anche da newco che vogliono entrare nel mercato crypto.

Si passa da servizi strettamente tecnici come Vantage Crypto, che vuole lavorare su un SAAS decentralizzato, a Crypto Hedge Fund Alert, servizio di informazioni sugli hedge fund su valute virtuali, a In Crypto we trust un servizio didattico legato alle valute virtuale, per poi andare a The Prince of Crypto che spazia dalla musica ai capi di abbigliamento.

C’è spazio anche per il modesto The Most Trusted name in Crypto Currencies, ovvero “Il nome più affidabile fra le valute virtuali” che si occupa di ATM per Bitcoin.

Crypto for Idiots è invece un altro trademark registrato negli USA per un podcast educativo. Il settore della conoscenza è anche alla base di Cryptoconomist, che vuole creare dei kit di base per bambini per imparare a conoscere il mondo delle valute virtuali, mentre Guns and Bitcoin vuole offrire case specifici per computer ed armi da fuoco.

Solo con il richiamo crypto si scoprono almeno 3 dozzine di marchi registrati nel 2019, numero che si allarga non appena dovessimo cambiare la ricerca per comprendere altri nomi. Il numero è ancora più impressionante se pensiamo che da metà dicembre fino alla fine di gennaio non vi sono state registrazione a causa dello shutdown degli uffici pubblici per motivi di bilancio.

Fabio Lugano
Fabio Lugano

Laureato con lode all'Università Commerciale Bocconi, Fabio è consulente aziendale e degli azionisti danneggiati delle Banche Venete. E' anche autore di Scenari Economici, e conferenziere ed analista di criptovalute dal 2016.

Utilizziamo i cookie per essere sicuri che tu possa avere la migliore esperienza sul nostro sito. Se continui ad utilizzare questo sito noi assumiamo che tu ne sia felice.