Binance registra un picco di ordini superiori al dicembre 2017
Criptovalute

Binance registra un picco di ordini superiori al dicembre 2017

By Emanuele Pagliari - 23 Mag 2019

Chevron down

L’exchange Binance ieri ha avuto alcuni problemi. Per diverse ore, infatti, si sono registrati lag, freeze dei grafici e dei book degli ordini, oltre all’impossibilità di cancellare ed impostare i vari limit order, sia dalla pagina web che dall’applicativo mobile per smartphone.

Read this article in the English version here.

Come comunicato dal CEO di Binance CZ sull’account Twitter ufficiale, questi problemi si sono verificati a causa del numero record di ordini registrati sulla piattaforma. CZ, infatti, ha riportato che sono stati superati i picchi di ordini registrati a cavallo tra il dicembre 2017 ed il gennaio 2018.

Tra gli altri dati riportati è stato segnalato che attualmente il volume in termini di dollari degli ordini registrati da Binance è pari ad un terzo del picco massimo. Ovviamente ciò è dovuto ai prezzi nettamente più bassi rispetto a dicembre 2017.

Bitcoin, infatti, ieri oscillava attorno ai 7700-7800 dollari, mentre nel dicembre 2017 aveva toccato i 20mila dollari. Lo stesso discorso è valido anche per ethereum, il cui valore è circa un quinto rispetto a dicembre 2017.

Binance: picco di ordini superiore al dicembre 2017

Tralasciando il disagio procurato da questi momentanei disservizi (si temeva un nuovo hack) a tutti gli utenti della piattaforma, lo stesso CZ ha affermato che si tratta di “un problema positivo” da dover affrontare.

Ciò, infatti, indica la crescente popolarità dell’exchange Binance, ormai diventato un punto di riferimento fra gli exchange coin-to-coin, visti anche i volumi giornalieri prossimi ai 2.7 miliardi di dollari.

Chiaramente per evitare che accada quanto accaduto durante il picco del 2017, ovvero la chiusura temporanea delle registrazioni per i nuovi utenti, è necessario che Binance irrobustisca ulteriormente le proprie infrastrutture di rete, in modo da fronteggiare carichi e picchi di ordini ben maggiori.

Se il prezzo di bitcoin continuasse a salire nei prossimi mesi, infatti, vi è il concreto rischio che l’exchange non possa reggere la mole di ordini e volumi crescenti, oltre all’arrivo di decine, se non centinai di migliaia di nuovi utenti, i quali migrerebbero su altre piattaforme.

App iOS in arrivo

Sempre su Twitter il CEO di Binance CZ ha confermato che l’applicazione mobile destinata agli smartphone e dispositivi iOS, dunque iPhone ed iPad, dovrebbe arrivare a breve.

Il motivo del continuo rinvio del rilascio dell’applicativo mobile per iOS è dovuto alle policy dell’App Store di Apple nei confronti delle applicazioni legate alle criptovalute.

Le parole del CEO farebbero ipotizzare un rilascio dell’applicazione mobile per iOS già nel corso del prossimo mese di giugno 2019.

Emanuele Pagliari
Emanuele Pagliari

Ingegnere delle telecomunicazioni appassionato di tecnologia. La sua avventura nel mondo del blogging è iniziata su GizChina.it nel 2014 per poi proseguire su LFFL.org e GizBlog.it. Emanuele è nel mondo delle criptovalute come miner dal 2013 ed ad oggi segue gli aspetti tecnici legati alla blockchain, crittografia e dApp, anche per applicazioni nell'ambito dell'Internet of Things

Utilizziamo i cookie per essere sicuri che tu possa avere la migliore esperienza sul nostro sito. Se continui ad utilizzare questo sito noi assumiamo che tu ne sia felice.