banner
Report: poco chiaro lo smart contract del token LEO?
Report: poco chiaro lo smart contract del token LEO?
Criptovalute

Report: poco chiaro lo smart contract del token LEO?

By Alfredo de Candia - 8 Lug 2019

Chevron down

Secondo un report redatto da Cointelligence, che si occupa di fare ricerche dati ed analisi nel mondo crypto, lo smart contract dietro al token LEO di Bitfinex nasconderebbe alcune funzioni non del tutto chiare.

Read this article in the English version here.

Il token LEO, che segue lo standard Ethereum ERC20, è stato lanciato lo scorso 10 maggio da iFinex Inc.

Cointelligence, per stilare il report, ha controllato il codice dello smart contract su Etherscan e poi lo ha testato sulla testnet Ropsten.

Controllando tutto il codice si è scoperta una serie di voci che permetterebbero di fare praticamente quello che si vuole al “controller” del contratto, in questo caso 0xf17ebb3a24dc6d6b56d38adf0df499c1cd9e5672, permettendo di trasferire, approvare, bruciare e cambiare il controller.

Nel codice sarebbe anche stata trovata una funzione chiamata “generateTokens” che, come suggerisce il nome, permette di creare in maniera illimitata i token.

C’è anche una funzione destroyTokens che permette di bruciare LEO token semplicemente scegliendo l’indirizzo che contiene i LEO token e specificando il totale da bruciare, tramite owner e amount.

Per dimostrare la veridicità di tali affermazioni, Cointelligence ha testato la funzione ed ha bruciato un numero spaventoso di token (1 miliardo elevato alla 4a).

Ovviamente queste funzioni sono state create per prevenire alcuni scenari negativi che potrebbero accadere, come per esempio cancellare fondi da un account compromesso o mettere nella blacklist i wallet di un exchange hackerato.

In merito a quanto esposto, il CTO di Bitfinex, Paolo Ardoino, ha affermato in un tweet che queste funzioni, ed in particolare quella di creare nuovi token, sono state inserite in previsione di un lungo periodo di attività del token stesso.

 

Alfredo de Candia
Alfredo de Candia

Android developer da oltre 8 anni sul playstore di Google con una decina di app, Alfredo a 21 anni ha scalato il Monte Fuji seguendo il detto "Chi scala il monte Fuji una volta nella vita è un uomo saggio, chi lo scala due volte è un pazzo". Tra le sue app troviamo un dizionario di giapponese, un database di spam e virus, il più completo database sui compleanni di serie Anime e Manga e un database sulle shitcoin. Miner della domenica, Alfredo ha una forte passione per le crypto ed è un fan di EOS.

Utilizziamo i cookie per essere sicuri che tu possa avere la migliore esperienza sul nostro sito. Se continui ad utilizzare questo sito noi assumiamo che tu ne sia felice.