Electroneum (ETN): la crypto per il mondo mobile
Altcoin

Electroneum (ETN): la crypto per il mondo mobile

By Emanuele Pagliari - 18 Ago 2019

Chevron down

Sono tante le crypto che ambiscono all’adozione di massa e dunque ad un vero e proprio uso come mezzo di pagamento anche da usare da mobile. Fra di esse, una delle crypto che ha registrato molta attenzione mediatica a cavallo fra il 2017 ed il 2018 è sicuramente Electroneum (ETN).

Electroneum è sopravvissuta alla bolla delle ICO del 2018, continuando a lavorare spedita ed in maniera continua sulla propria roadmap e riuscendo anche a portare sul mercato alcuni interessanti prodotti nel corso della prima parte del 2019.

Proprio all’inizio dell’anno, infatti, l’azienda ha annunciato il primo smartphone – l’Electroneum M1 – marchiato ETN e destinato ai mercati emergenti, viste le specifiche di fascia bassa. Ma non è l’unica novità annunciata nel 2019. Prima, però, occorre fare un recap sulla nascita e caratteristiche di Electroneum.

Electroneum: la crypto destinata ai Paesi emergenti

Electroneum ha origini britanniche in quanto il team di sviluppo, guidato dal CEO Richard Elis, ha la propria sede operativa nel Kent, a Maidstone. La fase di ICO è avvenuta nel settembre 2017 ed è stata una delle più grandi ICO di tutti i tempi per numero di partecipanti. Durante l’ICO, infatti, hanno partecipato 120mila contributori che hanno investito un totale di 40 milioni di dollari.

Di per sé ETN è una crypto che ha come obiettivo la semplicità d’utilizzo per un’adozione di massa.

Per fare ciò, il team ha sviluppato una blockchain proprietaria affidandosi in parte alla tecnologie già viste nel CryptoNight di Monero, da cui inizialmente aveva preso la Proof of Work. Il punto di forza di Electroneum, però, sono stati gli applicativi mobile molto user-friendly.

Electroneum (ETN) mondo mobile

L’applicazione, disponibile su smartphone Android ed iOS, integra il wallet di Electroneum e consente anche di minare la moneta direttamente dal proprio smartphone. Va specificato che non si tratta di mining vero e proprio ma di uno speciale cloud mining destinato agli utenti di ETN.

Il mobile mining di ETN

L’aspetto più innovativo di ETN, forse, era proprio il mining mobile. Ciò può far sorridere i miner professionisti vista la potenza necessaria per minare crypto, ma in realtà ha un proprio fine.

Infatti, il mining mobile virtuale mira a premiare gli utenti che vi aderiscono, permettendo di guadagnare qualche dollaro di ETN ogni mese.

Si tratta di un’iniziativa rivolta ai Paesi più poveri, dove anche solo 4-5$ al mese possono fare la differenza. Dal momento che gli smartphone ormai hanno raggiunto in massa anche queste nazioni, ciò potrebbe a sua volta innescare un’adozione di massa della moneta ETN anche per gli scambi, proprio come designato dall’obbiettivo di Electroneum. Ed è proprio per questo motivo che l’azienda ha annunciato lo smartphone Electroneum M1.

Electroneum M1: il primo smartphone dell’azienda

Annunciato al Mobile World Congress 2019 di Barcellona,  l’Electroneum M1 – il primo smartphone dell’azienda – è destinato ai mercati emergenti. Proprio per questo motivo il dispositivo vanta specifiche di basso livello, assimilabili ad altri device muniti di Android Go, una versione del sistema operativo di Google destinata a smartphone entry-level.

Electroneum (ETN) mondo mobile

Come riportato dal CEO, lo smartphone ha un basso costo di produzione ed è venduto ad un prezzo molto basso perché l’obiettivo non è trarne profitto ma contribuire alla digitalizzazione dei Paese più poveri, alla diffusione del brand ed all’utilizzo dei servizi messi a disposizione dall’applicazione Electroneum.

Tramite tale applicativo è infatti possibile minare virtualmente Electroneum, effettuare pagamenti e ricevere ETN.

Electroneum per acquistare piani dati e minuti

Nel corso del 2019 Electroneum ha anche annunciato l’interessante possibilità di acquistare pacchetti dati per internet, minuti per le chiamate ed SMS direttamente dall’app pagando tramite il proprio wallet Electroneum.

Si tratta di una feature disponibile solo in alcuni paesi emergenti, visti gli accordi stretti con la società Unlimited. Nell’applicazione è presente, infatti, un’apposita sezione dedicata all’acquisto dei vari pacchetti disponibili. Si tratta di un caso d’uso piuttosto interessante per ETN, specie se relazionato al target d’uso, ovvero i paesi emergenti.

Crypto e capitalizzazione

Sono ben dieci miliardi gli Electroneum in circolazione, mentre la tiratura massima è fissata a 21 miliardi. Numeri abbastanza alti, che portano la capitalizzazione totale a circa 45 milioni di dollari. Il valore massimo raggiunto, invece, risale al 6 gennaio 2018 per un valore di circa 21 centesimi di dollaro per ETN.

La lista di tutti gli exchange che operano con Electroneum è presente su CoinMarketCap.

Emanuele Pagliari
Emanuele Pagliari

Ingegnere delle telecomunicazioni appassionato di tecnologia. La sua avventura nel mondo del blogging è iniziata su GizChina.it nel 2014 per poi proseguire su LFFL.org e GizBlog.it. Emanuele è nel mondo delle criptovalute come miner dal 2013 ed ad oggi segue gli aspetti tecnici legati alla blockchain, crittografia e dApp, anche per applicazioni nell'ambito dell'Internet of Things

Utilizziamo i cookie per essere sicuri che tu possa avere la migliore esperienza sul nostro sito. Se continui ad utilizzare questo sito noi assumiamo che tu ne sia felice.