Skrill: Lorenzo Pellegrino ottimista sulle crypto
Criptovalute

Skrill: Lorenzo Pellegrino ottimista sulle crypto

By Marco Cavicchioli - 26 Ago 2019

Chevron down

Lorenzo Pellegrino, CEO di Skrill, si definisce bullish e sostiene che il settore crypto abbia il potenziale per sconvolgere l’economia ed influenzare cambiamenti nella società. 

Skrill è una società fondata nel 2001 che offre servizi di trasferimento di denaro e micropagamenti in valuta fiat tradizionale ed è entrata nel mondo crypto nel 2018. La loro piattaforma è rivolta ai piccoli investitori. Skrill ha come obiettivo quello di facilitare l’acquisizione e l’utilizzo delle valute digitali per milioni di persone in tutto il mondo.

Lorenzo Pellegrino è il CEO dell’azienda e durante un’intervista ha avuto modo di parlare approfonditamente della sua visione del settore crypto. 

Ad una specifica domanda riguardo l’impatto che potrebbero avere le criptovalute sull’economia, ha risposto dicendo: 

“Penso che molte persone stiano iniziando a rendersi conto che le criptovalute hanno il potenziale per sconvolgere davvero determinate aree dell’economia e persino influenzare i cambiamenti nella società nel suo insieme. Questo cambiamento non sarà immediato e, a mio avviso, non avverrà nemmeno a breve termine”. 

Per spiegare meglio il concetto, ha poi specificato che ritiene che nel breve termine criptovalute e valute fiat tradizionali conviveranno, e le prime integreranno le seconde all’interno di alcuni processi già esistenti, ma senza generare un esodo improvviso dai sistemi che siamo attualmente tutti abituati ad utilizzare. 

Sul lungo periodo ha aggiunto che ritiene che ad oggi nessuno possa realisticamente prevedere cosa potrebbe realmente accadere, ma si dice certo che avverranno dei “cambiamenti entusiasmanti” derivanti dall’utilizzo di queste nuove tecnologie.  

“Il ritmo con cui questo spazio sta maturando aumenta ogni anno e non vedo come possa fermarsi presto. Man mano che un numero sempre maggiore di attori finanziari consolidati provenienti dall’industria finanziaria tradizionale, come noi, si unirà a questo settore, cominceranno ad apparire le normative e le infrastrutture necessarie per portarlo al livello successivo, ed i mercati inizieranno a stabilizzarsi. A sua volta ciò porterà a un coinvolgimento meno speculativo e invece l’adozione e l’utilizzo inizieranno a diventare i principali fattori di valore”. 

La visione di Pellegrino sembra abbastanza chiara, sebbene non precisa e a dire il vero è condivisa da molte altre persone nel settore crypto. 

Anche il CEO di Skrill ad esempio ritiene che il coinvolgimento di eventuali investitori istituzionali sarebbe di gran lunga il cambiamento più significativo sul breve periodo. Anzi, afferma che:

“banche, società di social media e governi – stanno tutti esaminando il settore crypto in modo serio. Si può sicuramente dire che sono rialzista sulle criptovalute”. 

Secondo Pellegrino i principali ostacoli all’adozione di massa in realtà ad oggi sono opportunità per chi sia disposto ad innovare, anche se la regolamentazione costituisce un altro tipo di problema. 

A tal proposito Pellegrino cita come esempio da seguire quello della FCA dello UK, che sta lavorando a stretto contatto con gli addetti ai lavori del settore crypto, in modo da non soffocare alcuna innovazione. 

A proposito invece della volatilità dei prezzi, uno dei problemi che individua è quello che definisce “l’attività di trading fraudolenta”, come ad esempio i pump and dump e, in questi casi, Pellegrino crede che la regolamentazione sicuramente aiuterà.  

Infine, ammette che è solamente nell’ultimo anno che Skrill ha iniziato ad impegnarsi davvero a fondo nel settore crypto. Il loro obiettivo è quello di fornire una piattaforma che renda estremamente facile entrare in questo mondo anche per i principianti, e per questo si stanno concentrando sulla formazione e sulla semplicità. 

Conclude consigliando di non investire più di quanto si sia disposti a perdere e di “allacciarsi le cinture”.

Marco Cavicchioli
Marco Cavicchioli

Classe 1975, Marco è un docente di web-technologies e divulgatore online specializzato in criptovalute. Ha fondato ilBitcoin.news, ed il suo canale YouTube ha più di 11mila iscritti.

Utilizziamo i cookie per essere sicuri che tu possa avere la migliore esperienza sul nostro sito. Se continui ad utilizzare questo sito noi assumiamo che tu ne sia felice.