Per Tone Vays Telegram GRAM è uno scam
Per Tone Vays Telegram GRAM è uno scam
Altcoin

Per Tone Vays Telegram GRAM è uno scam

By Emanuele Pagliari - 2 Set 2019

Chevron down

Nelle ultime settimane è circolata in rete la notizia dell’imminente debutto del token di Telegram (GRAM), atteso al lancio già nel mese di ottobre 2019. Fra i tanti personaggi del settore, non poteva mancare il commento del trader ed analista Tone Vays, secondo il quale GRAM è “un piccolo scam”.

La nota applicazione di messaggistica ha effettuato la propria ICO privata lo scorso anno, anche se non è mai stato specificato il vero importo dei capitali raccolti dai vari round di finanziamenti.

La scorsa settimana il New York Times aveva affermato – citando un report destinato agli investitori privati – che il prossimo ottobre sarebbe partita la vendita pubblica del token GRAM, in seguito al debutto vero e proprio del token di Telegram. A quanto pare però, a Tone Vays non è piaciuta molto l’idea avuta da Telegram, definita come un metodo per creare soldi con facilità.

Tone Vays: Telegram GRAM è uno scam

Stando alle parole dal trader, GRAM, il token di Telegram, sarebbe un vero e proprio scam, visto che si tratterebbe di un semplice tentativo di sfruttare le criptovalute per monetizzare l’applicazione, creando quindi denaro dal nulla.

Per Tone Vays, infatti, non si tratta del metodo corretto per ottenere liquidità, in quanto sarebbe stato più opportuno utilizzare i metodi tradizionali, fra cui la vendita di azioni, ad esempio.

“Stanno creando soldi per il mondo? Oppure stanno semplicemente trovando un modo per monetizzare la propria applicazione ed azienda? Se hai intenzione di monetizzare un’azienda, si suppone che tu sia tenuto a farlo venendo azioni, non inventando una nuova forma di denaro.”

Debutto ad ottobre o novembre

Ormai manca poco più di un mese al lancio del token GRAM, che ovviamente verrà integrato e reso utilizzabile dall’applicativo Telegram.

Ad oggi, infatti, l’app di messaggistica vanta più di 300 milioni di utenti, i quali potrebbero facilmente divenire potenziali utilizzatori della criptovaluta.

Inizialmente verrà resa disponibile un’applicazione in grado da fungere sia da wallet di tipo non custodial per il token GRAM, sia da exchange, con anche la possibilità di scambiare le più comuni criptovalute, fra cui ovviamente bitcoin.

Tale app, il cui nome dovrebbe essere Button Wallet, debutterà sulla Telegram Open Network (TON), consentendo a tutti di testare gratuitamente il progetto ed il servizio.

L’iniziativa dovrebbe incentivare fortemente l’uso e l’adozione delle criptovalute, visto il bacino d’utenza a cui verrà offerto il servizio.

Emanuele Pagliari
Emanuele Pagliari

Ingegnere delle telecomunicazioni appassionato di tecnologia. La sua avventura nel mondo del blogging è iniziata su GizChina.it nel 2014 per poi proseguire su LFFL.org e GizBlog.it. Emanuele è nel mondo delle criptovalute come miner dal 2013 ed ad oggi segue gli aspetti tecnici legati alla blockchain, crittografia e dApp, anche per applicazioni nell'ambito dell'Internet of Things

Utilizziamo i cookie per essere sicuri che tu possa avere la migliore esperienza sul nostro sito. Se continui ad utilizzare questo sito noi assumiamo che tu ne sia felice.