Cina: un racket contro il mining crypto illegale
Mining

Cina: un racket contro il mining crypto illegale

By Alfredo de Candia - 4 Set 2019

Chevron down

Come riportato da un media locale, in Cina c’è stato un racket della polizia che ha portato all’arresto di 15 persone che avevano infettato una quantità impressionante di computer di Internet caffè: oltre 9000 strutture, riuscendo a minare illegalmente quasi $ 14 milioni in crypto.

Le indagini erano partite l’anno scorso, quando l’ufficio di sicurezza della provincia di Henan aveva ricevuto una comunicazione secondo la quale diversi Internet cafè locali erano stati infettati con un sistema di crypto mining illegale.

Come affermato dal capo del dipartimento, Liu Hui, dopo vari accertamenti presso i relativi Internet caffè si è scoperto che il malware era stato sviluppato da una società con base proprio in quel distretto e che questo permetteva anche un controllo remoto delle macchine infette.

Risalendo alla società, si è scoperto che la stessa raccomanda il proprio servizio di mining illegale agli amministratori dei suddetti Internet caffè. 

Infatti, una volta aperto il vaso di Pandora, si è scoperto che erano gli stessi amministratori dei caffè ad infettare le macchine in cambio di laute ricompense: negli ultimi 2 anni la società avrebbe pagato quasi 2000 amministratori delegati per facilitare l’installazione del malware.

Non è noto sapere di quali crypto si tratti, ma sappiamo che in generale le attività di mining illegale preferiscono Monero.

Alfredo de Candia
Alfredo de Candia

Android developer da oltre 8 anni sul playstore di Google con una decina di app, Alfredo a 21 anni ha scalato il Monte Fuji seguendo il detto "Chi scala il monte Fuji una volta nella vita è un uomo saggio, chi lo scala due volte è un pazzo". Tra le sue app troviamo un dizionario di giapponese, un database di spam e virus, il più completo database sui compleanni di serie Anime e Manga e un database sulle shitcoin. Miner della domenica, Alfredo ha una forte passione per le crypto ed è un fan di EOS.

Utilizziamo i cookie per essere sicuri che tu possa avere la migliore esperienza sul nostro sito. Se continui ad utilizzare questo sito noi assumiamo che tu ne sia felice.