Bitcoin: le transazioni SegWit in continua crescita. Superato il 55%
Bitcoin

Bitcoin: le transazioni SegWit in continua crescita. Superato il 55%

By Matteo Gatti - 4 Ott 2019

Chevron down

Le transazioni SegWit su Bitcoin hanno raggiunto ieri un nuovo all time high (ATH). L’adozione è ora al 55%: da diversi mesi ormai più della metà delle transazioni bitcoin utilizza questo upgrade del protocollo.

bitcoin segwit transazioni

Dopo un calo a fine agosto il numero delle transazioni che fa uso di SegWit è cresciuto costantemente a settembre fino a sfociare nel nuovo ATH di ieri.

Bitcoin: l’importanza delle transazioni con SegWit

SegWit serve a permettere lo sviluppo di soluzioni di scalabilità su un layer di secondo livello. Grazie a questo upgrade sono stati introdotti molteplici benefici per le transazioni bitcoin di seguito elencati in ordine di importanza:

  • Malleability Fixes
  • Linear scaling of sighash operations
  • Signing of input values
  • Increased security for multisig via pay-to-script-hash (P2SH)
  • Script versioning
  • Reducing UTXO growth
  • Efficiency gains when not verifying signatures
  • Block capacity/size increase
  • Moving towards a single combined block limit

L’ottavo punto è sicuramente quello più noto, ma non è affatto il più importante.

Questo protocollo, introdotto oramai due anni fa, richiede meno dati per elaborare una transazione rispetto al formato classico che prevede dimensione dei blocchi limitata a circa 1 MB ed una velocità di rete mediamente intorno alle 4 transazioni al secondo.

Inoltre, SegWit ha introdotto un leggero upgrade della dimensione dei blocchi, che come riportato da Diar, sono in costante aumento toccando una dimensione media di 1.2 MB per blocco. Secondo alcuni studi, se l’adozione di SegWit raggiungesse il 100% sarebbe possibile aumentare fino ad un fattore 4 il throughput della rete bitcoin.

Purtroppo ancora troppi wallet ed exchange non hanno effettuato l’upgrade per usare transazioni SegWit nonostante sia stato rilasciato da quasi due anni.

Per vedere immediatamente se un servizio, exchange o wallet ha implementato SegWit è sufficiente guardare come inizia l’indirizzo di BTC: gli indirizzi SegWit iniziano tutti con il numero 3 invece che con il classico 1.

SegWit per arginare la crescita delle fee

Uno dei fattori chiave che favorirà l’adozione di questo protocollo è la crescita delle fee. Durante l’ultimo anno e mezzo, complice il mercato bearish, le fee sono rimaste pressoché stabili e infatti l’adozione di SegWit è stata in stallo.

L’uso in parallelo di SegWit e del batching delle transazioni rappresenta la migliore soluzione a breve termine per arginare la crescita delle fees da pagare ai miner.

Il batching è un metodo usato per piazzare il maggior numero possibile di transazioni in un solo blocco. Adottando questa tecnica un maggior numero di transazioni viene di fatto inserito in un unica grossa tx, questo favorisce il calo delle fee del network. Si tratta di un’operazione fondamentale perché permette di risparmiare spazio e minimizzare i costi.

Anche Binance al lavoro per implementarlo

Ad inizio settimana il CEO di Binance, Changpeng Zhao (“CZ”) ha confermato su Twitter che l’exchange è al lavoro per implementare SegWit. Il protocollo dovrebbe essere attivato entro la fine del Q1 2020.

Matteo Gatti
Matteo Gatti

Ingegnere informatico appassionato di tecnologia e di tutto ciò che vi ruota attorno. Segue con interesse il mondo delle criptovalute e lo sviluppo della tecnologia Blockchain. Scrive anche di Linux su LFFL.

Utilizziamo i cookie per essere sicuri che tu possa avere la migliore esperienza sul nostro sito. Se continui ad utilizzare questo sito noi assumiamo che tu ne sia felice.