Perché Apple non vuole una sua valuta digitale
Perché Apple non vuole una sua valuta digitale
Criptovalute

Perché Apple non vuole una sua valuta digitale

By Alfredo de Candia - 4 Ott 2019

Chevron down

Durante un’intervista fatta al CEO di Apple, Tim Cook ha chiarito la sua posizione in tema di valute digitali ed ha spiegato che non si sente a suo agio all’idea che un gruppo di persone possa creare una propria crypto.

“No. Ritengo che una valuta dovrebbe rimanere nelle mani dei paesi. Non sono a mio agio con l’idea di un gruppo privato che crea una valuta concorrente”.

Da questa affermazione possiamo capire il timore del CEO, nonché una diffidenza netta nei confronti delle digital currency. Per Cook, insomma, le valute dovrebbero essere nelle mani dei Paesi, veri ed unici operatori che possono garantire un corso di validità e scambi.

Questo pensiero però non è in linea con quanto annunciato diversi mesi fa durante il WWDC, dove venne svelato il famoso CryptoKit, un tool per permettere agli sviluppatori di creare ed operare con le chiavi pubbliche e private delle valute digitali.

Di parere opposto infatti è Jennifer Bailey, Vicepresidente di Apple Pay, che solo il mese scorso aveva affermato:

“Stiamo osservando le criptovalute. Pensiamo che siano interessanti e che abbiamo un grande potenziale nel lungo termine ma siamo più concentrati su cosa realmente vogliono gli utenti oggi.”

Questa frase in realtà potrebbe benissimo essere interpretata con la volontà di soddisfare l’utente e quindi, in futuro, se la maggior parte dei clienti richiedesse una valuta digitale, Apple potrebbe valutare l’idea.

Alla luce di queste affermazioni, quindi, è difficile credere alle parole del CEO.

Inoltre, bisogna ricordare che Apple, partita come azienda di computer, stupì tutti quando lanciò il suo primo smartphone, cambiando ed aprendo ad un settore completamente diverso dall’originale. Che sia una strategia anche questa? Oppure Apple vuole puntare a rendere il proprio nuovo sistema di card e pagamenti elettronici l’unica vera alternativa al sistema di pagamento tradizionale?

Alfredo de Candia
Alfredo de Candia

Android developer da oltre 8 anni sul playstore di Google con una decina di app, Alfredo a 21 anni ha scalato il Monte Fuji seguendo il detto "Chi scala il monte Fuji una volta nella vita è un uomo saggio, chi lo scala due volte è un pazzo". Tra le sue app troviamo un dizionario di giapponese, un database di spam e virus, il più completo database sui compleanni di serie Anime e Manga e un database sulle shitcoin. Miner della domenica, Alfredo ha una forte passione per le crypto ed è un fan di EOS.

Utilizziamo i cookie per essere sicuri che tu possa avere la migliore esperienza sul nostro sito. Se continui ad utilizzare questo sito noi assumiamo che tu ne sia felice.