La class action non scalfisce Tether (USDt)
Stable Coin

La class action non scalfisce Tether (USDt)

By Marco Cavicchioli - 11 Ott 2019

Chevron down

Il caso della Class Action contro Tether (USDt) per ora non sembra aver avuto conseguenze sulla stablecoin. 

Infatti, nonostante la causa per manipolazione del mercato intentata da uno studio legale di New York, USDT rimane di gran lunga la stablecoin più utilizzata al mondo. 

Secondo le analisi di Flipside Crypto, la stablecoin è scesa solo dello 0,13% negli ultimi 7 giorni, mentre il comportamento degli sviluppatori e la maturità degli indicatori sono rimasti pressoché invariati. L’attività degli utenti invece è diminuita, ma solamente dello -0,2%.

Nell’ultima newsletter Daily Mover, Flipside Crypto ha affermato che l’evoluzione delle controversie legali in cui è coinvolta Tether ha influito poco sull’utilizzo effettivo di USDt, e che il suo predominio sul mercato delle stablecoin si è mantenuto costante, tanto che la liquidità è rimasta elevata.

Inoltre, secondo quanto riportato nella newsletter, gli esperti del settore crypto stanno ritenendo le critiche nei confronti di Tether in gran parte ingiuste, soprattutto in considerazione del fatto che, ad esempio, le banche centrali stanno riprendendo le attività di Quantitative Easing (QE), e che negli Stati Uniti proliferano le banche che operano con riserva frazionaria.

Il direttore delle Relazioni con la Clientela di Flipside Crypto, Avi Meyers, ha dichiarato: 

“Sulla base delle nostre valutazioni dei fondamenti delle criptovalute acquisite nel punteggio Fundas Crypto Asset Score (FCAS) di FlIpside, le componenti Attività utente e Maturità del mercato sono le più alte tra tutti gli asset, indicando un forte utilizzo ed una buona liquidità di USDt”. 

In effetti anche osservando il grafico di USDt degli ultimi 30 giorni su CoinMarketCap si nota che il valore è rimasto mediamente costante, con solamente una maggiore volatilità negli ultimi giorni, e che i volumi di scambio sono rimasti sostenuti, soprattutto se paragonati ad esempio a quelli di 12 mesi fa, quando anche la volatilità era maggiore. 

Quindi, per ora non sembra proprio che le vicissitudini legali stiano avendo alcun impatto significativo sul suo valore e sul suo utilizzo.

Marco Cavicchioli
Marco Cavicchioli

Classe 1975, Marco è un docente di web-technologies e divulgatore online specializzato in criptovalute. Ha fondato ilBitcoin.news, ed il suo canale YouTube ha più di 11mila iscritti.

Utilizziamo i cookie per essere sicuri che tu possa avere la migliore esperienza sul nostro sito. Se continui ad utilizzare questo sito noi assumiamo che tu ne sia felice.