Tutti i progetti crypto defunti. L’anno peggiore è il 2017
Blockchain

Tutti i progetti crypto defunti. L’anno peggiore è il 2017

By Alfredo de Candia - 14 Ott 2019

Chevron down

Recentemente Longhash ha pubblicato un report in cui ha analizzato diversi progetti blockchain dal 2012 ad oggi, nonché le crypto legate ad essi, scoprendo che una buona percentuale di essi sono ormai defunti.

A partire dal 2012 fino ai giorni nostri, oltre il 60% dei progetti sono deceduti per diverse motivazioni e, come era intuibile, il picco di “morti” si è registrato nel 2017, anno in cui c’era stato un vero e proprio rally per lanciare le varie ICO (Initial Coin Offering) e con molti casi di scam.

Così, la maggior parte dei progetti sono stati abbandonati oppure i token hanno avuto un volume basso, quasi pari a 0. Una buona parte di essi, infatti, quasi il 30%, si sono rivelati essere degli scam, mentre circa il 4% ha fallito nel recuperare fondi in ICO. 

Dai relativi grafici si può quindi notare come nel mondo crypto, specialmente nel 2017, c’è stata una vera e propria inflazione di progetti crypto inutili. Nel 2019 la situazione non è molto migliorata, anche se gli investitori sono molto più attenti alle false promesse.

Le ICO, come sappiamo, si sono trasformate in IEO (Initial Exchange Offering) anche se il fatto che siano lanciate attraverso un exchange, bisogna dire, non ne garantisce sempre l’autorevolezza.

 Oltre ai progetti e alle crypto decedute o rivelatesi scam, anche molti exchange in questi anni si sono rivelati inutili, hanno scambiato pochi volumi oppure i team sono scappati via con la cassa, come forse è successo con QuadrigaCX.

Negli anni, infatti, si è assistito a diversi episodi di questo genere, come il caso di Mt. Gox.

Insomma, nonostante siano passati ormai diversi anni dalla nascita di bitcoin e delle ICO, vale sempre il detto “Don’t Trust, Verify”, celebre motto del mondo crypto ripreso e modificato dalle parole del Presidente Ronald Reagan. 

Alfredo de Candia
Alfredo de Candia

Android developer da oltre 8 anni sul playstore di Google con una decina di app, Alfredo a 21 anni ha scalato il Monte Fuji seguendo il detto "Chi scala il monte Fuji una volta nella vita è un uomo saggio, chi lo scala due volte è un pazzo". Tra le sue app troviamo un dizionario di giapponese, un database di spam e virus, il più completo database sui compleanni di serie Anime e Manga e un database sulle shitcoin. Miner della domenica, Alfredo ha una forte passione per le crypto ed è un fan di EOS.

Utilizziamo i cookie per essere sicuri che tu possa avere la migliore esperienza sul nostro sito. Se continui ad utilizzare questo sito noi assumiamo che tu ne sia felice.