Cina: i crypto speculatori sono ora nel mondo delle scarpe
Criptovalute

Cina: i crypto speculatori sono ora nel mondo delle scarpe

By Stefania Stimolo - 23 Ott 2019

Chevron down

Secondo un report della Banca Popolare Cinese, sembra che in Cina, dopo il bando alle crypto, i nuovi speculatori si siano dati alla rivendita di scarpe sportive costose e in edizione limitata.

La filiale di Shanghai della PBOC ha puntato il dito sul commercio delle sneakers sostenendo che il settore si è trasformato in bolla finanziaria ed evidenziando rischi come la raccolta illegale di fondi e schemi piramidali

Proprio come in passato con le crypto, oggi in Cina sembra essere questo il commercio del momento pronto ad attirare la stessa tipologia di investitori, e mostrando lo stesso lato oscuro.

Infatti, questa nuova costosa abitudine sta vedendo episodi incredibili come la vendita di un paio di Air Jordans al prezzo di $10.740, facendo emergere mercati di scarpe da ginnastica di fascia alta con volumi di affari da 1 miliardo di dollari su app come Nice, DoNew e Poizon. 

Queste piattaforme, però, pare che abbiano lasciato la possibilità agli utenti di poter scambiare scarpe come se fossero delle azioni, una modalità che sembra aver dato il via alla speculazione. 

Su WeChat esistono i gruppi dedicati a questo mercato proprio come per il mondo crypto. Il CEO di Sino Global Capital, Matthew Graham ha fatto notare

“I gruppi di investitori di WeChat sono proliferati, con nomi di gruppo come” XX Sneaker to da moon!”. Questi sono simili ai gruppi di speculazione sulla criptovaluta che sono apparsi durante il boom delle criptovalute del 2017″.

Questo aumento di pubblicità del settore ha incentivato l’incredibile volatilità sui prezzi di negoziazione delle scarpe che risultano totalmente disconnessi dal valore reale.

Inoltre, pare proprio che nel paese del ban del mondo crypto, con questo meccanismo sia possibile filtrare le piattaforme e-commerce di nicchia con importanti crypto-exchange rendendo possibile l’acquisto di bitcoin e altcoin. 

Per rendere pratica l’idea, piattaforme come 55.com consentono agli utenti di acquistare frazioni di una scarpa, rappresentate da token. Così proprio come con le crypto, è possibile investire nel paio di Air Jordan del momento senza acquistarle per intero ma solo comprando una piccola parte in token da rivendere ad altri acquirenti.

Un nuovo metodo cinese per accedere al mondo crypto che si aggiunge ai già presenti, nonostante il ban ufficiale.

Stefania Stimolo
Stefania Stimolo

Laureata in Marketing e Comunicazione, Stefania è un’esploratrice di opportunità innovative. Partendo come Sales Assistant per e-commerce, nel 2016 inizia ad appassionarsi al mondo digitale autonomamente, inizialmente in ambito Network Marketing dove conosce e si appassiona dell’ideale di Bitcoin e tecnologia Blockchain diventandone una divulgatrice come copywriter e traduttrice per progetti ICO e blog, ed organizzando corsi conoscitivi.

Utilizziamo i cookie per essere sicuri che tu possa avere la migliore esperienza sul nostro sito. Se continui ad utilizzare questo sito noi assumiamo che tu ne sia felice.