banner
Bitcoin: oggi l’anniversario del whitepaper
Bitcoin: oggi l’anniversario del whitepaper
Bitcoin

Bitcoin: oggi l’anniversario del whitepaper

By Alfredo de Candia - 31 Ott 2019

Chevron down

Oggi è una data importante, non solo perché si celebra Halloween in tutto il mondo, ma è anche l’anniversario del whitepaper di Bitcoin, il documento che illustrò un sistema rivoluzionario per effettuare transazioni trustless e borderless.

Tutto risale al 31 ottobre 2008, quindi ben 11 anni fa, quando Satoshi Nakamoto condivise questo documento in una mailing list a carattere crittografico.

Bitcoin, comunque, non è certo stato inventato da un giorno all’altro.

La maggior parte degli aspetti che hanno portato all’invenzione di Bitcoin sono frutto di tecnologie risalenti anche a 50 anni prima della creazione della crypto stessa, cosa che farebbe sorprendere in molti.

Uno dei contributi più vecchi da cui Satoshi Nakamoto (forse pakistano) ha preso alcuni elementi per introdurlo nel suo protocollo è quello di William Feller con il suo “An Introduction to Probability Theory and Its Applications”, che risale addirittura agli anni ‘50.

Per quanto riguarda invece la tecnologia per l’utilizzo delle chiavi pubbliche, Nakamoto ha preso spunto da quanto fatto negli anni ‘80 da Ralph C. Merkle in “Protocols for Public Key Cryptosystems”, dove viene spiegata la struttura fondamentale e necessaria per garantire un funzionamento adeguato al protocollo e da cui derivano i famosi Merkle Tree.

Non possiamo non citare il time-stamp introdotto da Bitcoin, ma che in realtà risale agli inizi degli anni ‘90, con “Improving the efficiency and reliability of digital time-stamping” lavoro a cura di Stuart Haber e Scott Stornetta. Questo studio spiegava come aggiungere il time-stamp all’hash di un blocco, dato che il tempo è un parametro cronologico e progressivo che permette di risalire in modo veloce a quando un blocco è stato prodotto.

Della fine degli anni ‘90 è anche il contributo di Wei Dai, che con il suo sistema b-money, anticipava quello che poi sarebbero diventati i futuri nodi della blockchain di bitcoin.

Con il nuovo millennio è arrivato quello che forse ha contribuito in maniera pachidermica alla futura crypto: infatti, in “Hashcash – A Denial of Service Counter-Measure” di Adam Back viene spiegato il funzionamento di un sistema PoW (Proof of Work) pensato per mitigare lo spam e gli attacchi DoS (Denial of Service). Questo è poi stato adattato per rendere il mining di Bitcoin complesso ma remunerativo al tempo stesso, per non parlare anche della sicurezza che questo aggiunge al network e che permette di renderlo praticamente inattaccabile. 

Queste tecnologie, già precedentemente disponibili, non sono riuscite da sole a cambiare il mondo finanziario, mentre è stata proprio la combinazione di tutti questi elementi, come dice il detto “Divide et impera”, che ha permesso di creare qualcosa che fino a quel momento era stato ritenuto impossibile da attuare.

Infatti, prima di Bitcoin era impensabile creare un dato digitale che non fosse replicabile e quindi essere finito ed unico: BTC, invece, ha una supply massima di 21 milioni; solo di recente si è raggiunto il traguardo dei 18 milioni con ancora quindi solo 3 milioni disponibili da minare. 

A distanza di 11 anni possiamo vedere come Bitcoin abbia influenzato e rivoluzionato i trasferimenti di valore, il concetto di intermediario che con questo protocollo diventa superfluo e la fiducia in un terzo viene quindi sostituita con la “fiducia” nell’algoritmo che, essendo pubblico, tutti possono controllare e quindi non fidarsi ciecamente ma verificarne la veridicità.

Assodati gli aspetti tecnologici legati al bitcoin, una delle domande aperte che divide la comunità è quella legata alla sua natura, ossia se considerarlo come mero strumento di scambio di valore oppure come una riserva di valore. Indipendentemente dalla risposta, attualmente, bitcoin ha ancora molto da dire. 

 

Alfredo de Candia
Alfredo de Candia

Android developer da oltre 8 anni sul playstore di Google con una decina di app, Alfredo a 21 anni ha scalato il Monte Fuji seguendo il detto "Chi scala il monte Fuji una volta nella vita è un uomo saggio, chi lo scala due volte è un pazzo". Tra le sue app troviamo un dizionario di giapponese, un database di spam e virus, il più completo database sui compleanni di serie Anime e Manga e un database sulle shitcoin. Miner della domenica, Alfredo ha una forte passione per le crypto ed è un fan di EOS.

Utilizziamo i cookie per essere sicuri che tu possa avere la migliore esperienza sul nostro sito. Se continui ad utilizzare questo sito noi assumiamo che tu ne sia felice.