Ripple ora vanta oltre 300 clienti
Ripple ora vanta oltre 300 clienti
Criptovalute

Ripple ora vanta oltre 300 clienti

By Alfredo de Candia - 7 Nov 2019

Chevron down

Come comunicato dalla stessa Ripple oggi, la sua soluzione enterprise di blockchain, RippleNet, ha superato oltre 300 clienti: si tratta di una crescita a doppia cifra in un anno.

 Un punto fondamentale di questo successo è dovuto, come spiega il comunicato, a ODL (On-Demand Liquidity), vero ponte per l’utilizzo dell’asset digitale XRP, che permette in questo modo di eliminare il pre-funding per i pagamenti cross-border.

 Parliamo ovviamente di strutture del calibro di banche, che possono vantare su un’utenza molto ampia, quindi gli utenti finali che usufruiscono in concreto di questa tecnologia sono ben oltre i clienti diretti, come goLance, Viamericas ed altri.

 Ripple è quindi il più veloce metodo di pagamento in termini di crescita, ha affermato il CEO di Viamericas, Paul Dwyer:

“Come uno dei sistemi di trasferimento di denaro in più rapida crescita al mondo, comprendiamo le attuali problematiche legate all’invio di denaro a livello globale e puntiamo all’efficienza operativa per rendere il processo più facile e più accessibile per le persone a cui forniamo i nostri servizi. L’anno scorso, i flussi di rimesse hanno raggiunto il massimo storico con quasi 600 miliardi di dollari e sono stati a lungo una delle maggiori fonti di finanziamento esterno nei paesi in via di sviluppo, particolarmente importante per le famiglie a basso e medio reddito. Ripple On-Demand Liquidity ci consente di inviare pagamenti in tempo reale e di ridurre i costi di pagamento, in quanto è in grado di gestire la nostra liquidità in modo più efficiente”.

 Considerando anche la natura dei lavori in più Paesi che coinvolgono anche nuovi impieghi per i freelance, l’utilizzo di questa tecnologia è molto interessante per i pagamenti cross-border, come ha ribadito il CEO di goLance, Michael Brooks:

“Il mercato dei liberi professionisti sta crescendo drasticamente, dato che sempre più aziende stanno assumendo talenti, sia in patria che all’estero, per aiutare a far crescere il loro business. goLance vuole garantire ai freelancer un pagamento puntuale, con costi minimi. Ecco perché stiamo collaborando con Ripple. Attraverso questa partnership, goLance utilizza la tecnologia blockchain e XRP per affrontare le attuali inefficienze dei pagamenti transfrontalieri, rendendo le transazioni più rapide, affidabili e meno costose. Riducendo i costi di invio dei pagamenti, goLance può mettere più soldi nelle mani dei liberi professionisti e migliorare la loro qualità di vita”.

 Il primo lancio del servizio ODL è stato offerto come corridoio tra il Messico e le Filippine e presto si espanderà in Australia e in Brasile.

In un solo anno la crescita è stata incredibile, in termini di aumento dei clienti, ha confermato il CEO di Ripple, Brad Garlinghouse:

“Quest’anno è stato il migliore per Ripple. Nel 2019 abbiamo visto una costante espansione della clientela, la crescita di RippleNet e l’adozione di On-Demand Liquidity. In appena un anno dal lancio di ODL, stiamo già avendo un impatto sui profitti per i nostri clienti. Siamo entusiasti di continuare questo ritmo nel prossimo anno e di espandere ODL in nuovi mercati”.

MoneyGram, una delle più grandi compagnie in ambito dei trasferimenti di denaro al mondo, integrerà l’ODL e questo permetterebbe di mettere le valute tradizionali in secondo piano rispetto alle crypto, come ha spiegato il CEO di MoneyGram Alex Holmes:

“Per la prima volta in assoluto, stiamo liquidando le valute in pochi secondi. Grazie a questi risultati, stiamo espandendo la nostra partnership con Ripple e siamo entusiasti di annunciare che abbiamo iniziato ad eseguire operazioni in valuta estera con il peso filippino utilizzando ODL”.

Nel frattempo il valore della crypto ha visto una crescita ridotta, anche se rimane la controversia sulla sua decentralizzazione per la questione degli XRP posseduti dall’azienda Ripple.

Alfredo de Candia
Alfredo de Candia

Android developer da oltre 8 anni sul playstore di Google con una decina di app, Alfredo a 21 anni ha scalato il Monte Fuji seguendo il detto "Chi scala il monte Fuji una volta nella vita è un uomo saggio, chi lo scala due volte è un pazzo". Tra le sue app troviamo un dizionario di giapponese, un database di spam e virus, il più completo database sui compleanni di serie Anime e Manga e un database sulle shitcoin. Miner della domenica, Alfredo ha una forte passione per le crypto ed è un fan di EOS.

Utilizziamo i cookie per essere sicuri che tu possa avere la migliore esperienza sul nostro sito. Se continui ad utilizzare questo sito noi assumiamo che tu ne sia felice.