Napoli: una tesi blockchain vince il premio del Comune
Blockchain

Napoli: una tesi blockchain vince il premio del Comune

By Fabio Carbone - 12 Nov 2019

Chevron down

Il progetto Napoli blockchain ha la sua prima tesi di laurea dedicata: il titolo è “Analisi ed implementazione di un discount token su Consortium blockchain” ed è stata svolta nell’ambito del progetto promosso dal Comune di Napoli. 

L’autore di questa tesi di argomento blockchain è Antonio Della Porta, appena laureatosi in Informatica applicata all’Università Parthenope, che dal Sindaco di Napoli Luigi De Magistris ha ricevuto qualche giorno fa la Medaglia della Città di Napoli.

Del premio ricevuto dal suo studente ne ha dato notizia ieri la stessa Università di Napoli che collabora allo sviluppo scientifico del progetto Napoli blockchain e alla progettazione del cosiddetto token temporaneo di sconto TTS. 

L’Università gestisce anche la parte informatica dei nodi della blockchain privata creata dal Comune di Napoli, mentre l’ANM (Azienda napoletana mobilità) ha reso disponibili i suoi server per la gestione della blockchain, del wallet e delle transazioni del token TTS.

Il primo esperimento reale del token TTS del Comune di Napoli

Il token di sconto della città di Napoli è un progetto sperimentale e che a breve passerà a una fase di test avanzata, presso 10 attività commerciali ricadenti nell’area della città metropolitana. 

Le 10 attività commerciali, lo apprende The Cryptonomist da fonti dirette coinvolte nel progetto, riceveranno i token TTS emessi dall’Asia a favore dei cittadini che smaltiranno correttamente determinati rifiuti. I cittadini potranno quindi spendere i token ricevuti presso le attività commerciali, nella forma di sconti applicati sui beni acquistati.

L’esperimento dovrebbe iniziare entro il prossimo Natale.

La prima cassa automatica con pagamento in bitcoin di Napoli 

Pochi giorni fa il bar partenopeo My Way ha attivato la prima cassa automatica che esegue pagamenti anche in bitcoin.  

La cassa è stata inaugurata alla presenza dell’amministratore della società che ha sviluppato la cassa automatica, Rendi Resto, il signor Vincenzo Sorrentino.

Si tratterebbe della prima transazione effettuata con questa tipologia: esistono infatti diversi Pos che funzionano con le crypto, ma questa sarebbe la prima volta, come spiega il comunicato stampa, che questa tecnologia viene applicata ad un comune registro di cassa per l’acquisto di beni di uso quotidiano.

Fabio Carbone
Fabio Carbone

Writer freelance dal 2013 ha studiato informatica e filosofia ed anche un pizzico di sociologia. Nel 2016 ha scoperto la crypto economy e da allora scrive di blockchain e criptovalute, per approfondire un movimento che non è fatto solo di esperti matematici e crittografi, ma di gente che genera una nuova economia dal basso. Scrive dello stesso argomento su vari siti web di settore. Scrive di Industria 4.0 ed economia digitale in generale.

Utilizziamo i cookie per essere sicuri che tu possa avere la migliore esperienza sul nostro sito. Se continui ad utilizzare questo sito noi assumiamo che tu ne sia felice.