Le nuove crypto predizioni di John McAfee
Le nuove crypto predizioni di John McAfee
Blockchain

Le nuove crypto predizioni di John McAfee

By Marco Cavicchioli - 22 Nov 2019

Chevron down

L’influencer John McAfee ha proposto pubblicamente alcune sue nuove predizioni sugli sviluppi delle crypto.

Questa volta, intervistato dal canale YouTube Crypto Finder, non si è concentrato sui prezzi, ma sull’utilizzo delle crypto e, soprattutto, sul rapporto tra queste tecnologie ed i governi. 

Le predizioni di McAfee

Per prima cosa, McAfee ha evidenziato come la blockchain è l’unica grande tecnologia innovativa che non derivi da sviluppi governativi o da grandi aziende, ma è stata sviluppata e diffusa da persone comuni. 

Infatti, è stata lanciata dal whitepaper di Bitcoin, creato da un privato cittadino anonimo e poi è stata elaborata da altri privati cittadini ed espansa. 

Questa è una tecnologia che, in quanto decentralizzata, offre ai cittadini stessi la possibilità di liberarsi dal sistema finanziario attuale basato su monete fiat, che implica forti limitazioni e che viene utilizzato dagli Stati per controllare come i cittadini utilizzano il loro denaro. 

Le criptovalute, invece, per la prima volta, offrono la possibilità di liberarsi da questi controlli, e di diventare completamente indipendenti dalle autorità governative dal punto di vista finanziario. 

John McAfee: “i governi temono Monero”

Secondo McAfee tutti i governi del mondo in realtà sono terrorizzati dalle criptovalute, ma in particolare da quelle ad alto livello di privacy, come Monero. Bitcoin, invece, da un lato non offre sufficiente protezione della privacy, mentre dall’altro non ha gli smart contract. 

Pertanto secondo il più noto influencer crypto del mondo, Bitcoin in futuro potrebbe non essere lo standard d’uso comune delle criptovalute. È la prima tecnologia di questo tipo ad essere stata elaborata e ad essersi diffusa, ma è anche la più vecchia. 

Invece, le crypto che spaventano maggiormente i governi sarebbero Ethereum, DAI e Monero, per via del loro utilizzo concreto come monete. Questo starebbe portando molti Stati, Cina in primis, a sviluppare delle loro criptovalute, nel tentativo di forzare i loro cittadini ad utilizzare queste ultime e non quelle precedenti. 

La ragione sarebbe sempre la stessa: controllare le finanze dei cittadini, ovvero come usano il loro denaro, per poterli tassare in modo più efficace. 

Le valute digitali delle banche centrali infatti sono praticamente la stessa cosa delle valute fiat, ma consentono di incrementare ulteriormente il controllo statale sulle finanze dei cittadini. 

Per John McAfee questo sarebbe il Santo Graal dei regimi totalitari ed i governi che implementeranno questo tipo di tecnologie diverranno a loro volta governi totalitari.

Marco Cavicchioli
Marco Cavicchioli

Classe 1975, Marco è un docente di web-technologies e divulgatore online specializzato in criptovalute. Ha fondato ilBitcoin.news, ed il suo canale YouTube ha più di 11mila iscritti.

Utilizziamo i cookie per essere sicuri che tu possa avere la migliore esperienza sul nostro sito. Se continui ad utilizzare questo sito noi assumiamo che tu ne sia felice.