Bitcoin: sale la volatilità giornaliera
Trading

Bitcoin: sale la volatilità giornaliera

By Federico Izzi - 27 Nov 2019

Chevron down

Giornata a doppia faccia per il settore delle criptovalute ben rappresentata dalla volatilità giornaliera di Bitcoin che cresce. 

Dopo aver dato indicazioni ribassiste per tutta la prima parte di mercoledì, subendo l’incertezza dovuta alle notizie relative all’hackeraggio dell’exchange Upbit, nel pomeriggio si è invertita la rotta del mercato, con una netta prevalenza di segni positivi per oltre il 70% delle crypto.

Fonte: COIN360.com

Concentrando l’attenzione sulle prime 30 crypto, ci sono solo 4 segni sotto la parità: Leo (LEO), Chainlink (LINK), Tezos (XTZ) e Basic Attention Token (BAT). Sono proprio Tezos e BAT ad essere tra le peggiori di giornata con discese oltre il 2%. 

La giornata vede una particolare attenzione sul caso di Upbit, ma sono da rilevare anche gli scambi che Coinmaketcap attribuisce ad Ethereum. Upbit infatti ha subito un hackeraggio sul conto dell’exchange con un furto di 300.000 ETH, mentre su Coinmarketcap si nota uno scambio di volumi per Ethereum di circa 8 miliardi di dollari delle ultime 24 ore, che sono esattamente il 50% del marketcap della crypto. 

Si tratta di un valore molto elevato per ETH che ha una capitalizzazione totale di 16 miliardi. Andando a vedere i dati degli exchange, Binance, il più grande exchange mondiale, è solamente in 32° posizione e ciò può indicare che i dati di queste ore siano falsati. 

Pertanto Ethereum in queste ore è attenzionata particolarmente da un’elevata speculazione.  Andando a restringere gli scambi di Ethereum delle ultime 24 ore ai primi 10 exchange per importanza, i volumi rimangono ai livelli dei giorni scorsi, così come il numero di transazioni esterne agli exchange che si sono sviluppate sulla blockchain di Ethereum.

I volumi totali delle ultime 24 ore scendono ancora e si riportano sotto la soglia dei 77 miliardi di dollari. Il market cap si riporta ad un passo dai 200 miliardi di dollari, livelli abbandonati lo scorso fine settimana. La dominance del Bitcoin è stabile al 66%, mentre Ethereum continua a dare segnali di rallentamento riportandosi sotto l’8,2%, e Ripple rimane stabile sotto il 5%.

Grafico Bitcoin by Tradingview

La volatilità di Bitcoin (BTC)

Giornata ad alta tensione per Bitcoin che ha vissuto ampie oscillazioni, con una volatilità giornaliera che nelle ultime 24 ore si è spinta oltre il 7%, quando in media è poco sotto il 3%. Bitcoin dalle 11 alle 13 ha visto i prezzi oscillare anche di 500 dollari. È un segnale da non trascurare, che indica nervi tesi. 

Bitcoin prova nuovamente a spingersi oltre la soglia dei 7.300 dollari, livello che negli ultimi 5 giorni si sta dimostrando un’ostica resistenza di breve periodo. Dal 22 di novembre più volte i prezzi hanno tentato di tornare sopra questa soglia, ma è stata forte la reazione a contrasto delle vendite che hanno respinto ogni tentativo rialzista. Se questo livello fosse violato si aprirebbero le porte per rivedere la resistenza di breve periodo dei 7.500 dollari.

Grafico Ethereum by Tradingview

Ethereum (ETH)

Ethereum non soffre particolarmente delle vicissitudini delle ultime ore, anche se rimane vicino ai livelli degli ultimi sei mesi toccati tra la notte di domenica e lunedì. Per ETH questo particolare segnale di tenuta dei minimi nonostante le news dall’Asia è un segnale positivo che dovrà trovare conferme anche nelle prossime ore e giorni. 

Per ETH è necessario recuperare al più presto i 155 dollari, livello abbandonato con l’affondo dello scorso venerdì. 

Ripple (XRP)

Per Ripple la situazione non cambia, tra alti e bassi le oscillazioni sono intorno ai 22 centesimi di dollaro, dove prova a consolidarsi per ridare fiducia dopo l’affondo che ha visto XRP arrivare ai minimi degli ultimi due anni nella notte tra domenica e lunedì.

 

Federico Izzi
Federico Izzi

Analista finanziario e #trader indipendente – Socio S.I.A.T. & Assob.it. Opera attivamente sui mercati azionari e dei derivati (futures ed opzioni) dal 1997. Precursore dell’analisi ciclica-volumetrica è noto per aver individuato i più importanti movimenti al rialzo ed al ribasso sui mercati finanziari degli ultimi anni. Partecipa annualmente come relatore all’ ITForum di Rimini dall’edizione del 2010 ed InvestingRoma e Napoli dalla prima edizione del 2015. Interviene come ospite ed esperto dei mercati durante le trasmissioni “Trading Room” e “Market Driver” di Class CNBC, Borsa Diretta.tv e nel TG serale di Traderlink. Da luglio 2017 è ospite fisso su LeFonti.TV nell’unico spazio nazionale settimanale dedicato alle criptovalute insieme ai più importanti esperti internazionali del settore. Da maggio 2017 è ufficialmente analista tecnico di BigBit. Periodicamente pubblica articoli su ITForum News, Sole24Ore, TrendOnLine, Wall Street Italia. E’ stato intervistato in qualità di esperto di #criptovalute per: Forbes Italia, Panorama, StartupItalia, DonnaModerna. E’ stato riconosciuto come primo analista tecnico italiano ad aver pubblicato la prima analisi ciclica secolare sul #Bitcoin. Federico Izzi è… Zio Romolo

Utilizziamo i cookie per essere sicuri che tu possa avere la migliore esperienza sul nostro sito. Se continui ad utilizzare questo sito noi assumiamo che tu ne sia felice.