EOS: nuovi dettagli sul social network Voice
EOS: nuovi dettagli sul social network Voice
Blockchain

EOS: nuovi dettagli sul social network Voice

By Alfredo de Candia - 30 Gen 2020

Chevron down

Ieri block.one, azienda dietro allo sviluppo della blockchain di EOS, ha rilasciato alcuni dettagli riguardo al social network Voice, relativamente alla sua compliance e tutela della privacy.

Dal comunicato, quindi, apprendiamo che lo sviluppo di tutto il social network ha coinvolto diverse aziende e partner al fine di fornire il supporto necessario per gestire una piattaforma del genere, sia a livello hardware che dei servizi interconnessi al progetto stesso.

Questo comporta ovviamente anche una serie di accordi legali per la gestione dei dati personali degli utenti, seguendo le regole previste dalle leggi di America, Europa, Africa e Asia.

Affinché si evitino problemi relativi al token di Voice, il tutto sarà SEC compliant, e quindi seguirà le leggi americane per quanto riguarda le security. Sono state sviluppate policy compliant anche con l’OFAC (Office of Foreign Assets Control) per quanto riguardo l’AML (Anti Money Laundering). Inoltre, il comunicato spiega che, dopo i test della versione beta, che partirà il prossimo 14 febbraio, sarà necessario avere le licenze dai vari stati americani.

Come è possibile immaginare, per utilizzare al meglio il social network sarà necessario completare una procedura di KYC (Know Your Customers) perché, solo in questo modo, si avrà la certezza di non avere account fake.

“Il nostro compito è quello di seguire la legge, ma rimanere comunque fedeli al nostro principio guida – Voice deve essere un luogo per uno scambio di idee aperto e autentico. Con un’identità verificata per gli utenti di Voice, speriamo di richiedere molta meno moderazione nei contenuti rispetto ad altre piattaforme. Piuttosto, speriamo di concentrare i nostri sforzi per garantire il rigore dei nostri controlli d’identità senza appesantire eccessivamente i nostri utenti”.

Sicuramente questo social network di EOS rappresenterà una delle poche piattaforme che garantirà sia la presenza di account che effettivamente corrispondono a persone vere sia l’autenticità dei post che verranno pubblicati, così come i commenti. 

Ad ogni modo, non dimentichiamo che siamo in presenza di un servizio decentralizzato e che già altri social network, per garantire l’autenticità di un account, per esempio per l’ottenimento della cosiddetta verifica con la spunta blu, richiedono l’invio di numerosi documenti.

Adesso non resta che aspettare poche settimane all’avvio della fase di test e vedere come risponderà il pubblico a questo tipo di struttura che richiede una verifica per registrarsi.

Alfredo de Candia
Alfredo de Candia

Android developer da oltre 8 anni sul playstore di Google con una decina di app, Alfredo a 21 anni ha scalato il Monte Fuji seguendo il detto "Chi scala il monte Fuji una volta nella vita è un uomo saggio, chi lo scala due volte è un pazzo". Tra le sue app troviamo un dizionario di giapponese, un database di spam e virus, il più completo database sui compleanni di serie Anime e Manga e un database sulle shitcoin. Miner della domenica, Alfredo ha una forte passione per le crypto ed è un fan di EOS.

Utilizziamo i cookie per essere sicuri che tu possa avere la migliore esperienza sul nostro sito. Se continui ad utilizzare questo sito noi assumiamo che tu ne sia felice.