banner
Bakkt: nuovo record per l’open interest
Bakkt: nuovo record per l’open interest
Bitcoin

Bakkt: nuovo record per l’open interest

By Eleonora Spagnolo - 3 Feb 2020

Chevron down

Venerdì l’open interest dei future di Bakkt su bitcoin ha raggiunto un nuovo record massimo a 11,63 milioni di dollari. 

Il grafico pubblicato su Twitter dal Bakkt Volume Bot mostra che, per la prima volta dall’inizio dell’anno, l’open interest ha superato gli 11 milioni. In realtà, già mercoledì erano stati superati i 10 milioni, mentre il precedente record storico dell’open interest era stato toccato il 9 gennaio, con 9,53 milioni di dollari. 

Record di Bakkt correlati al prezzo di BTC?

Come mostra il grafico, anche il prezzo di bitcoin venerdì è salito, cosa che ultimamente accade spesso quando i volumi di Bakkt fanno segnare dei picchi. Non è detto però che le due cose siano legate, o addirittura correlate, ma non è la prima volta che dei record di volumi sugli scambi dei future di Bakkt avvengano in contemporanea con una crescita del prezzo di BTC. 

Tra l’altro, la scorsa settimana l’open interest dei future di Bakkt è aumentato del 114% in sette giorni, visto che il 24 gennaio si fermò a 5,4 milioni, sebbene come detto in precedenza già il 9 gennaio aveva sfiorato quota 10 milioni. 

Secondo alcuni analisti, questo recente aumento potrebbe evidenziare un afflusso di nuovi acquirenti che entrano in questo mercato per aprire posizioni lunghe. 

Inoltre, a metà dicembre 2019, quando il prezzo di bitcoin si aggirava attorno ai 6.500 $, l’open interest dei future di Bakkt raggiunse un picco massimo di 7,02 milioni, ovvero quasi il 40% in meno rispetto ai livelli attuali. 

Anche i futures su bitcoin del CME stanno attraversando un periodo di volumi sostenuti, sebbene non da record assoluto, e questo viene interpretato da alcuni analisti come una conferma del fatto che molti trader stiano scommettendo su una ulteriore crescita del prezzo di BTC. 

Giovedì si è registrato il maggior picco del volume di scambi di questi futures degli ultimi mesi, con 846 milioni di dollari scambiati, ma non si è verificato un calo del prezzo di bitcoin, come accaduto spesso in passato in concomitanza con la scadenza di fine mese dei future del CME. 

Gennaio si è chiuso con 4.611 contratti in open interest, non lontano dal record di 5.252 di luglio 2019. Ovviamente, tutto ciò non è minimamente sufficiente per avere la certezza che il prezzo di bitcoin sia destinato a salire nelle prossime settimane, ma perlomeno è un buon segnale in tal senso.

Eleonora Spagnolo
Eleonora Spagnolo

Giornalista con la passione per il web e il mondo digitale. È laureata con lode in Editoria multimediale all’Università La Sapienza di Roma e ha frequentato un master in Web e Social Media Marketing.

Utilizziamo i cookie per essere sicuri che tu possa avere la migliore esperienza sul nostro sito. Se continui ad utilizzare questo sito noi assumiamo che tu ne sia felice.