EOS: inflazione ridotta sulla crypto
EOS: inflazione ridotta sulla crypto
Blockchain

EOS: inflazione ridotta sulla crypto

By Alfredo de Candia - 25 Feb 2020

Chevron down

Come annunciato da uno dei Block Producer (BP) più attivi sulla blockchain di EOS, EOS New York, oggi è stata ridotta l’inflazione annuale della crypto, passando dal 5% all’attuale 1%.

Per capire cosa sta accadendo bisogna prima spiegare che quando la mainnet di EOS fu lanciata c’erano in circolazione 1 miliardo di EOS con un sistema di inflazione fissato al 5% che permetteva che ogni anno si venissero a creare ben 50 milioni di EOS.

Di questi 50 milioni, il 5% delle crypto in circolazione, il 4% andava in un fondo chiamato eosio.saving e il restante 1% era allocato come premio ai BP nella misura del 25% come premio per ogni blocco e il 75% come premio per i voti.

Questo sistema era stato attuato al fine di utilizzare il fondo per migliorare la blockchain di EOS stessa, ma per ora non è mai stato utilizzato per la presenza di alcune divergenze sul suo impiego (altri dettagli sull’inflazione di EOS li possiamo trovare per esempio nel libro gratuito Mastering EOS, disponibile su Amazon anche in inglese).

Con la modifica di oggi – qui la transazione approvata già da 17 Block Producer e in pending per gli altri 46 – si riduce l’inflazione annuale all’1% e si rimuove del tutto la percentuale destinata al fondo: tutta l’inflazione della crypto da adesso in poi verrà quindi divisa tra i Block Producer della blockchain di EOS.

Questo cambiamento di inflazione rappresenta una svolta importante per la blockchain di EOS e un traguardo voluto da molti da diverso tempo.

Nel frattempo Block.one sta portando avanti il progetto del social network decentralizzato Voice, attualmente in beta e aperta solo per i cittadini US.

Di recente Binance ha pubblicato un report su EOS per analizzarne la governance, argomento sempre un po’ spinoso quando si tratta di questa blockchain e dei suoi problemi di mancanza di incentivi per le votazioni.

Alfredo de Candia
Alfredo de Candia

Android developer da oltre 8 anni sul playstore di Google con una decina di app, Alfredo a 21 anni ha scalato il Monte Fuji seguendo il detto "Chi scala il monte Fuji una volta nella vita è un uomo saggio, chi lo scala due volte è un pazzo". Tra le sue app troviamo un dizionario di giapponese, un database di spam e virus, il più completo database sui compleanni di serie Anime e Manga e un database sulle shitcoin. Miner della domenica, Alfredo ha una forte passione per le crypto ed è un fan di EOS.

Utilizziamo i cookie per essere sicuri che tu possa avere la migliore esperienza sul nostro sito. Se continui ad utilizzare questo sito noi assumiamo che tu ne sia felice.