L’India riapre alle crypto: il ban è incostituzionale
L’India riapre alle crypto: il ban è incostituzionale
Regolamentazione

L’India riapre alle crypto: il ban è incostituzionale

By Lorenzo Dalvit - 4 Mar 2020

Chevron down

Arriva direttamente da Mumbai la notizia che la Corte Suprema dell’India ha annullato il ban della banca centrale che vietava la facilitazione delle transazioni bancarie finalizzate all’acquisto di crypto.

La notizia inizia a rimbalzare sui social: la circolare di divieto dell’aprile del 2018 è anticostituzionale.

La dichiarazione giurata è stata presentata nell’ambito di un procedimento giudiziario in corso tra RBI e Internet and Mobile Association of India (IAMAI), rappresentato da Ashim Sood, sulla legittimità del divieto. 

Un banco di tre giudici guidato da Rohinton F. Nariman ha appoggiato la petizione contro il ban che imponeva restrizioni al mercato delle criptovalute.

Le startup e gli organismi di settore che hanno sfidato il ban crypto, cioè la decisione della Reserve Bank of India dell’aprile 2018 di vietare alle banche di offrire qualsiasi servizio a supporto delle valute digitali hanno vinto.

Uno fra tutti è Nischal Shetty, CEO di WazirX, che esulta affermando: 

Questa sentenza è una grande spinta per tutto il settore. In un paese in cui le menti sono pronte e tecnicamente all’avanguardia rispetto al mondo software, questa restrizione ha limitato moltissimo gli investimenti e l’iniziativa privata.

Mentre la banca centrale indiana cerca di sviluppare la propria valuta digitale per non farsi trovare tecnologicamente impreparata, ora si trova di fronte ad un precedente giuridico che mette i bastoni tra le ruote al suo piano di repressione delle criptovalute. 

Le restrizioni sembrano mosse da uno spirito protezionistico volto al limitare che l’economia nazionale venga invasa da cattivi attori capaci di trarre vantaggio da uno spazio non regolamentato.

L’effetto perverso di tali misure risulta essere una grande limitazione alle opportunità perse da chi avrebbe saputo cogliere le occasioni al momento giusto.

Per questa ragione il grande lavoro del gruppo presentatosi di fronte alla corte suprema ha dato il via ad un precedente che potrebbe cambiare radicalmente la situazione in India.

Avatar
Lorenzo Dalvit

Educatore appassionato di Blockchain, esperto di vendite e marketing, social community manager, direttore artistico, musicista, amante dei paradigmi dirompenti e della vita. Le mie competenze riguardano l'interazione e la connessione umana

Utilizziamo i cookie per essere sicuri che tu possa avere la migliore esperienza sul nostro sito. Se continui ad utilizzare questo sito noi assumiamo che tu ne sia felice.