Pompliano: “Stamperanno moneta fiat durante l’halving di bitcoin”
Pompliano: “Stamperanno moneta fiat durante l’halving di bitcoin”
Bitcoin

Pompliano: “Stamperanno moneta fiat durante l’halving di bitcoin”

By Marco Cavicchioli - 16 Mar 2020

Chevron down

Anthony Pompliano ieri ha sottolineato che le banche centrali stanno per stampare moneta fiat proprio nel bel mezzo dell’halving di bitcoin. 

Il celebre influencer crypto fa riferimento in particolare al piano annunciato dalla Fed di abbassare a zero i tassi di interesse, e di avviare un nuovo quantitative easing da 700 miliardi di dollari. Anzi, i tassi sono già di fatto stati tagliati, mentre l’avvio del QE sembra comunque imminente. 

Ma non è tutto. È stata anche organizzata un’azione coordinata di varie banche centrali, tra cui Fed, BCE, Bank of England, Bank of Japan, Banca del Canada e Banca Centrale Svizzera, per assicurare liquidità a sostegno all’economia in questa fase critica dovuta all’emergenza coronavirus. Si tratta di una misura già adottata all’epoca della grande crisi del 2008, e che di fatto prevede la creazione dal nulla di grandi quantità di denaro fiat da immettere soprattutto nei mercati finanziari. 

In altre parole, a breve i mercati finanziari globali potrebbero essere nuovamente inondati da una grande quantità di denaro fiat. 

Pompliano fa notare che questo sta avvenendo proprio nello stesso periodo in cui si sta avvicinando l’halving di bitcoin, previsto per il 12 maggio 2020 circa: mentre nei prossimi mesi la massa monetaria delle valute fiat potrebbe aumentare significativamente, probabilmente generando inflazione, dall’altra parte verrà dimezzato l’incremento della massa monetaria di BTC più o meno in contemporanea. 

Pompliano dice

“Stanno letteralmente tagliando i tassi e stampando denaro, proprio durante l’halving di bitcoin. Incredibile”. 

Ovviamente il nuovo massiccio QE mondiale non è ancora stato avviato – ma lo sarà a breve – e l’halving non è ancora avvenuto – ma avverrà sicuramente entro metà maggio. Tuttavia questa concomitanza ormai sembra inevitabile. 

C’è da dire che i precedenti QE non hanno in realtà generato inflazione, perché non sono stati in grado di far aumentare i prezzi dei beni al consumo, ma hanno generato probabilmente un’immensa bolla finanziaria che ha portato le borse mondiali fino ai massimi di sempre, prima del crollo dovuto al coronavirus.

Quindi Pompliano di fatto sta ipotizzando che possa capitare qualcosa di simile, con l’aggiunta che tutto ciò avverrà in tempo brevi, ed in concomitanza con il dimezzamento dell’incremento della massa monetaria di bitcoin. 

In un altro tweet ha ribadito il concetto scrivendo: 

“La Federal Reserve ha appena lanciato una campagna di marketing da 700 di dollari miliardi per Bitcoin”. 

Marco Cavicchioli
Marco Cavicchioli

Classe 1975, Marco è un docente di web-technologies e divulgatore online specializzato in criptovalute. Ha fondato ilBitcoin.news, ed il suo canale YouTube ha più di 11mila iscritti.

Utilizziamo i cookie per essere sicuri che tu possa avere la migliore esperienza sul nostro sito. Se continui ad utilizzare questo sito noi assumiamo che tu ne sia felice.