Bitcoin può aiutare a far superare la crisi da Coronavirus?
Bitcoin può aiutare a far superare la crisi da Coronavirus?
Bitcoin

Bitcoin può aiutare a far superare la crisi da Coronavirus?

By Amelia Tomasicchio - 23 Mar 2020

Chevron down
Ascolta qui
download

Alla prima grande crisi come quella che stiamo vivendo in queste settimane – anche per colpa del dilagare del Coronavirus – bitcoin è crollato insieme ai mercati tradizionali e con ribassi a doppia cifra anche peggiori di questi ultimi, motivo per cui si chiede se BTC sia ancora considerabile come un safe haven.

Per rispondere a questi ed altri dubbi, The Cryptonomist sta organizzando una serie di interviste audio ad esperti del settore per commentare i mercati. 

Dopo aver parlato con Paolo Rebuffo, questa volta è il turno di Lars Schlichting, CEO di Poseidon Group e partner dello studio legale Kellerhals & Carrard.

Qui per ascoltare il podcast in lingua italiana:

Nell’audio si spiega che il crollo dei giorni scorsi ha coinvolto tutti i mercati, e neanche bitcoin è stato risparmiato, probabilmente perché tanta gente opera a leva e tanti prodotti finanziari hanno BTC come soggiacente, quindi un forte crollo sui mercati finanziari tradizionali ha un impatto anche su bitcoin e a catena anche sulle altre crypto.

Bitcoin ha quindi ancora ragione di esistere? Bitcoin può ancora aiutare a superare le crisi?

Stiamo vivendo l’emergenza Coronavirus e ci aspetta una grossa crisi per cui gli Stati stanno rilasciando aiuti finanziari da miliardi di dollari. Contrariamente a quanto successo in passato, questi soldi non verranno utilizzati per comprare azioni e quindi creare valore nel mercato, ma verranno dati alle aziende e ai lavoratori e quindi circoleranno nell’economia reale.

In questo scenario, secondo Schlichting, BTC tornerebbe ad avere significato per proteggere il proprio patrimonio contro la moneta debole, ovvero le valute fiat.

Sicuramente non è una cosa che succederà domani, ma questo è uno scenario che per il CEO di Poseidon Group non possiamo scartare a priori. Bitcoin non è morto, ma anzi questa crisi potrebbe portare a maggiore adozione della crypto anche come metodo di pagamento.

 

Amelia Tomasicchio
Amelia Tomasicchio

Esperta di digital marketing, Amelia inizia a lavorare nel settore fintech nel 2014 dopo aver scritto la sua tesi di laurea sulla tecnologia Bitcoin. Precedentemente è stata un'autrice di Cointelegraph e CMO di Eidoo. Oggi è co-founder e direttrice di Cryptonomist.

Utilizziamo i cookie per essere sicuri che tu possa avere la migliore esperienza sul nostro sito. Se continui ad utilizzare questo sito noi assumiamo che tu ne sia felice.