Winklevoss: “bitcoin è un vaccino contro l’inflazione”
Winklevoss: “bitcoin è un vaccino contro l’inflazione”
Bitcoin

Winklevoss: “bitcoin è un vaccino contro l’inflazione”

By Marco Cavicchioli - 27 Mar 2020

Chevron down
Ascolta qui
download

Tyler Winklevoss ha definito Bitcoin come un vaccino contro la malattia della stampa di denaro. Infatti, il co-fondatore e CEO dell’exchange crypto Gemini ha scritto su Twitter, con evidente riferimento all’epidemia in corso di Covid-19: 

“Bitcoin è l’unico vaccino al mondo che può darti l’immunità per la malattia della stampa di denaro”.

Questa malattia non è altro che la creazione dal nulla, totalmente arbitraria e potenzialmente senza limiti di denaro fiat che. Se immesso sui mercati al consumo, potrebbe far aumentare i prezzi, perdendo potere di acquisto. 

Il fatto è che le ultime misure intraprese soprattutto dalla Fed americana non si limiteranno all’immissione sui mercati finanziari di una gran quantità di dollari creati dal nulla, ma una parte la immetteranno anche direttamente sui mercati al consumo, grazie ad erogazioni dirette ai cittadini americani. 

Per Tyler Winklevoss questa scelta può essere paragonata ad una malattia, che tra i propri sintomi presenta quello dell‘inflazione. L’emissione di nuovi BTC invece non è frutto di politiche monetarie arbitrarie, non può essere senza limiti, e non può nemmeno realmente essere modificata. 

In questo momento vengono creati sempre e soltanto 12,5 BTC ogni circa 10 minuti e a partire da circa metà maggio questa creazione verrà dimezzata a 6,25 BTC, sempre circa ogni 10 minuti, per i prossimi 4 anni. Dopodiché ci saranno altri dimezzamenti, già programmati sempre ogni circa 4 anni, che porteranno infine alla cessazione completa di creazione di nuovi BTC. 

Per questo Winklevoss paragona Bitcoin ad un “vaccino” contro la malattia della creazione arbitraria di denaro fiat. Tra i commenti al tweet di Winklevoss spicca quello del dirigente di VanEck Gabor Gurbacs, che afferma: 

“Bitcoin non è il virus: è il vaccino”. 

Ovviamente, questo è ciò per cui bitcoin è stato pensato, progettato e realizzato, ma manca ancora la conferma concreta e definitiva che le cose stiano realmente così. Tuttavia, è possibile che già entro fine 2020 si potrebbe rilevare un incremento significativo dell’inflazione del dollaro americano  e verificare quindi se bitcoin sarà veramente stato un vaccino contro questa malattia.

Marco Cavicchioli
Marco Cavicchioli

Classe 1975, Marco è un docente di web-technologies e divulgatore online specializzato in criptovalute. Ha fondato ilBitcoin.news, ed il suo canale YouTube ha più di 25mila iscritti.

Utilizziamo i cookie per essere sicuri che tu possa avere la migliore esperienza sul nostro sito. Se continui ad utilizzare questo sito noi assumiamo che tu ne sia felice.