Eidoo Card Teal
Eidoo Card Purple
Eidoo Card Black

Introduce your digital currencies to the real world.
Experience DeFi on demand with the Eidoo Card

Pre-order yours and enjoy exclusive rewards,
including up to 10% crypto cashback.

Blockchain priorità assoluta a Taiwan
Blockchain priorità assoluta a Taiwan
Blockchain

Blockchain priorità assoluta a Taiwan

By Marco Cavicchioli - 30 Mar 2020

Chevron down

Secondo il ministro per il digitale di Taiwan, blockchain è una priorità assoluta per il paese. 

Lo ha rivelato recentemente durante un’intervista, nella quale ha anche annunciato che stanno già sperimentando una tecnologia molto promettente basata su registri distribuiti per aiutare il governo ad ascoltare i cittadini su vasta scala.

Audrey Tang è un’informatica di 38 anni ritenuta come uno dei dieci grandi dell’informatica taiwanese ed è ministro per il digitale nel Paese dal 2016. 

A Taiwan la tecnologia dei registri distribuiti è già utilizzata ad esempio per tracciare l’inquinamento dell’acqua e dell’aria ed è uno dei paesi al mondo che sta facendo passi in avanti da gigante nell’utilizzo delle nuove tecnologie. 

Il paese è diventato democratico da poco, dal 1996, ed è in forte evoluzione.

Secondo Tang parte di questa evoluzione deve riguardare anche lo sviluppo di nuove tecnologie basate su blockchain e DLT. 

“I registri distribuiti sono molto promettenti. Sono un modo economico per costruire la responsabilità e una sorta di legittimità in tutti i settori. Tramite i registri distribuiti le persone possono concordare qualcosa che in precedenza richiederebbe costosi controlli”. 

Questo renderebbe le DLT particolarmente utili per questioni di governance, tanto che secondo il ministro in questo modo i governi invece di pagare le spese per i revisori dei conti potrebbero condividere molto facilmente l’onere tra i diversi settori. 

Inoltre, durante il recente Hackathon Presidenziale di Taiwan è stato selezionato e promosso dallo stesso ministro un progetto basato su DLT per creare un dispositivo economico ad energia solare che misura gli inquinanti dell’acqua e registra i suoi risultati su un registro distribuito. 

L’obiettivo sarebbe quello di verificare eventuali inquinamenti di corsi d’acqua o terreni agricoli per tagliare i rifornimenti di elettricità o acqua agli impianti che li producono. 

In questo modo gli impianti che vorranno essere riconosciuti come non inquinanti potranno aderire all’iniziativa ed installare il dispositivo per poter dimostrare di non esserlo, anche di fronte ad accuse mosse loro in tal senso. 

Questo progetto è ancora solamente in fase di proof-of-concept, ma un progetto simile, che misura però la qualità dell’aria, è già attivo e funzionante. 

Inoltre, lo stesso governo tempo fa ha istituito la “Taiwan Blockchain Alliance”, insieme ad università ed industrie, per lavorare ad altri progetti in questo settore, come ad esempio il tracciamento dei bidoni della spazzatura di Taipei su DLT.

Tang sostiene che non bisognerebbe imporre questa nuova tecnologia alla popolazione, diffondendola senza chiedere alle persone di cambiare i loro comportamenti per adattarsi alle nuove tecnologie.

D’altro canto sostiene che la governance decentralizzata, se progettata correttamente, può incentivare una partecipazione volontaria molto più inclusiva ai processi democratici. 

In particolare potrebbe ad esempio consentire a chiunque di condividere idee in un gruppo di lavoro, senza dover essere per forza eletto come rappresentante. 

Per Tang questa nuova governance collaborativa offre un modo completamente nuovo di creare legittimità, senza aver bisogno di eserciti o forze di polizia per farla rispettare.

In questo senso il lavoro del ministro mira a creare piattaforme online per rendere più facile l’accordo tra le persone. 

A tal proposito ha dichiarato:  

“Più persone partecipano alla governance, migliore diventa il meccanismo di governance stesso. Quindi, attraverso l’innovazione sociale, verrranno proposti prototipi fattibili. Il ruolo del governo è solo quello di assicurarsi di promuovere quei prototipi in modo che le persone possano aderire volontariamente”.

Marco Cavicchioli
Marco Cavicchioli

Classe 1975, Marco è un docente di web-technologies e divulgatore online specializzato in criptovalute. Ha fondato ilBitcoin.news, ed il suo canale YouTube ha più di 11mila iscritti.

Utilizziamo i cookie per essere sicuri che tu possa avere la migliore esperienza sul nostro sito. Se continui ad utilizzare questo sito noi assumiamo che tu ne sia felice.