banner
Un nuovo token in arrivo da Lightning Labs
Un nuovo token in arrivo da Lightning Labs
Blockchain

Un nuovo token in arrivo da Lightning Labs

By Alfredo de Candia - 31 Mar 2020

Chevron down

E’ di ieri la notizia di un nuovo token targato Lightning Labs. Si chiama LSAT e fungerà da autenticazione e pagamento API.

Il nome del nuovo token LSAT, che è a tutti gli effetti anche un protocollo, viene dall’acronimo da Lightning Service Authentication Tokens. 

È stato sviluppato da Lightning Labs e potrà essere utilizzato sia come strumento di autenticazione sia come meccanismo di pagamento, “ticket”, per pagare le API.

Infatti, con questo token si potranno utilizzare le diverse API ma con il vantaggio di non richiedere le credenziali di accesso; inoltre le stesse possono essere integrate per sfruttare anche API a pagamento e quindi crearne delle proprie che sfruttino questo protocollo.

Il tutto viene descritto e messo alla pari dei famosi cookie dei siti web, ma con il vantaggio di essere crittografati e verificabili: in questo modo è possibile fornire in maniera automatica le credenziali delle relative API che vengono richiamate.

Considerando il fatto che si basa sull’utilizzo sia dell’http/2 o gRPC sia del protocollo Lightning Network, è facile immaginare la sua integrazione sia lato web che lato crypto, visto che potrebbe implementare senza problemi un wallet crypto. 

Ovviamente questo è solo la bozza di come potrebbe essere utilizzato e delle sue funzioni, ma è necessario che gli sviluppatori inizino ad implementarle ed è difficile prevedere se una tecnologia sarà implementata o meno e in che modo.

Solo di recente ci sono stati problemi con delle penalità e chiusure proprio sul protocollo Lightning Network, che è ancora quindi ben lungi dall’essere un sistema perfetto e di facile utilizzo per la massa.

Infatti, secondo un recente studio ci sarebbero più BTC su Ethereum che su Lightning Network.

Tra l’altro, poche settimane fa, il founder di Litecoin, Charlie Lee, che aveva scommesso con Roger Ver di Bitcoin.com sull’utilizzo di massa di LN ha di recente perso poiché BCH è maggiormente usato nei negozi rispetto a Lightning.

Alfredo de Candia
Alfredo de Candia

Android developer da oltre 8 anni sul playstore di Google con una decina di app, Alfredo a 21 anni ha scalato il Monte Fuji seguendo il detto "Chi scala il monte Fuji una volta nella vita è un uomo saggio, chi lo scala due volte è un pazzo". Tra le sue app troviamo un dizionario di giapponese, un database di spam e virus, il più completo database sui compleanni di serie Anime e Manga e un database sulle shitcoin. Miner della domenica, Alfredo ha una forte passione per le crypto ed è un fan di EOS.

Utilizziamo i cookie per essere sicuri che tu possa avere la migliore esperienza sul nostro sito. Se continui ad utilizzare questo sito noi assumiamo che tu ne sia felice.