Come funziona Hyperledger e chi usa Fabric
Come funziona Hyperledger e chi usa Fabric
Blockchain

Come funziona Hyperledger e chi usa Fabric

By Lorenzo Dalvit - 11 Apr 2020

Chevron down

Quando si prende in considerazione Hyperledger Fabric è necessario fare dei distinguo importanti. Il concetto di blockchain è stato spesso confuso e in contrasto con il modello concettuale appartenente alla comunità delle criptovalute.

Non vi è dubbio che la catena di blocchi di Bitcoin sia stata la prima applicazione pratica e funzionante capace di far conoscere il concetto di registro decentralizzato al mondo. Grazie ad esso la fantasia umana e la creatività di molti ha permesso a questa tecnologia di prendere strade anche molto diverse da quella impostata nel mondo delle cryptovalute.

Così facendo si sono fatti spazio due concetti molto diversi di intendere la blockchain:

  1. Blockchain permissioned (privata);
  2. Blockchain permission-less (pubblica).

La differenza è apparentemente semplice, mentre la sua complessità non è oggetto di questo articolo e per questa ragione ci scusiamo per la semplificazione.

  • Nel primo caso, quella privata, i nodi del network che validano le modifiche di stato del registro sono membri attivi del progetto. La distribuzione delle responsabilità e la condivisione del network permettono un sufficiente grado di fiducia sul modello di consenso. Per prendere parte al consenso devi essere accettato.
  • Nel secondo caso, quella pubblica, il consenso è in mano a una vasta rete di nodi che non devono fidarsi l’uno dell’altro e attraverso l’attivazione del codice tutti possono partecipare alla rete, senza barriere e senza permesso.

Alla prima categoria appartiene Hyperledger Fabric, mentre alla seconda ad esempio possiamo collegare Bitcoin ed Ethereum.

Hyperledger: un mondo in espansione

Hyperledger è una community open source focalizzata sullo sviluppo di una suite e framework, strumenti e librerie per l’implementazione blockchain a livello aziendale.

E’ un marchio della Linux Foundation.

Hyperledger non è solo definibile nella sua accezione di blockchain privata, la vocazione è molto più ampia e prevede una vasta gamma di processi interoperabili capaci di comunicare con le blockchain pubbliche come quella di Ethereum. 

Per questo Hyperledger è seguito da diversi suffissi che ne determinano il campo d’azione, le funzionalità espresse e gli oggetti di studio.

  • Besu 
  • Burrow 
  • Fabric 
  • Indy
  • Iroha 
  • Sawtooth 
  • Aries 
  • Quilt 
  • Transact 
  • Ursa

Una vasta gamma di membri partecipa allo sviluppo degli standard e dei modelli con l’obiettivo di sviluppare in maniera congiunta la nuova architettura basata sul concetto di blockchain.

Membri principali: 

  • Accenture, 
  • AirBus, 
  • American Express, 
  • Change Healthcare, 
  • Daimler,
  •  DTCC, 
  • Fujitsu, 
  • Hitachi, 
  • IBM, 
  • Intel, 
  • JPMorgan, 
  • Nec. 

Da poco anche Consensys, l’azienda lanciata dal cofondatore di Ethereum, Joseph Lubin, ha preso parte alla lista dei premier members. L’interoperabilità è la chiave del successo di due mondi come quello della blockchain pubblica e private che si incontrano.

La creazione di Baseline è diventata una delle notizie più interessanti per Ethereum e Hyperledger nel 2020. 

Il concetto fondamentale è quello far diventare ETH la blockchain pubblica sicura dove allacciarsi. Tutti i progetti privati che vogliono garantire una maggior sicurezza del dato o livelli di privacy differenti, possano collegarsi con le loro blockchain consorziali a quella pubblica.

La blockchain delle blockchain.

Chi sta usando Hyperledger Fabric

Aziende come IBM hanno utilizzato Hyperledger Fabric come matrice su cui impostare i loro servizi garantendo ai clienti la costruzione di blockchain private in semplicità e sicurezza.

La stessa Microsoft ha reso possibile il collegamento ai suoi servizi Azure ai consorzi che utilizzano Hyperledger Fabric.

Hyperledger Fabric è una rete blockchain privata che viene impostata dalle organizzazioni che intendono creare un consorzio. Le organizzazioni che prendono parte alla costruzione della rete Hyperledger Fabric sono chiamate “membri”.

Hedera Hashgraph ha recentemente rilasciato un servizio di consenso (HCS) che potrà essere utilizzato da Hyperledger per permettere il timestamping e l’ordine delle transazioni in maniera efficiente e sicura. Hedera si definisce una blockchain pubblica, ma  per il momento è ancora un consorzio di aziende che sfruttano un protocollo di consenso innovativo ed efficiente.

Progetti concreti basati su Hyperledger 

Axuall 

Axuall è una rete digitale per la verifica di identità, credenziali e autenticità in tempo reale utilizzando Sorvin Network e Hyperledger Indy. 

La rete Axuall è attualmente in fase pilota con Hyr Medical e la sua rete di oltre 650 medici 

KitChain 

LedgerDomain ha unito le forze con altri leader del settore come Pfizer, IQVIA, UPS, Merck, UCLA Health, GSK, Thermo Fisher e Biogen per costruire un progetto pilota mirato e sviluppato nel corso di due anni. KitChain mira a presentare un solido modello collaborativo per la gestione della catena di fornitura clinica farmaceutica, creando un record immutabile per il monitoraggio delle spedizioni e degli eventi senza la necessità di ricorrere a documenti cartacei e trascrizioni manuali. 

MELLODY Project

Questo progetto per la produzione di farmaci utilizza le tecnologie Amazon Web Services per eseguire algoritmi di Machine Learning da partner accademici su larga scala. I dati non lasciano mai l’infrastruttura del proprietario. 

MyClinic.com

Medicalchain è stata una delle prime aziende di blockchain nel settore sanitario a far parte della comunità Hyperledger, firmando come membro nel 2017. L’etica della società è quella di consentire ai pazienti di avere accesso alle loro cartelle cliniche. 

Fornire ai pazienti un accesso diretto ai loro dati sblocca le barriere che affrontiamo oggi nell’assistenza sanitaria come la scelta dei pazienti e i problemi di interoperabilità. Un team guidato da un medico con sede nel Regno Unito.

Verified.Me 

SecureKey ha lanciato la sua rete innovativa ai consumatori canadesi all’inizio del 2019. Verified.Me è una rete di identità digitale basata su blockchain costruita su Hyperledger Fabric 1.2 che consente ai consumatori di mantenere il controllo delle proprie informazioni scegliendo quando condividere informazioni e con chi, riducendo l’eccessiva condivisione delle informazioni personali. 

Sun Life Financial ha sottoscritto un contratto di adozione anticipata e sarà il primo assicuratore nordamericano (sanitario) a rendere più semplice per i propri clienti fare affari con l’azienda.

Avatar
Lorenzo Dalvit

Educatore appassionato di Blockchain, esperto di vendite e marketing, social community manager, direttore artistico, musicista, amante dei paradigmi dirompenti e della vita. Le mie competenze riguardano l'interazione e la connessione umana

Utilizziamo i cookie per essere sicuri che tu possa avere la migliore esperienza sul nostro sito. Se continui ad utilizzare questo sito noi assumiamo che tu ne sia felice.