Il quantitative easing fa aumentare gli acquisti di BTC
Il quantitative easing fa aumentare gli acquisti di BTC
Trading

Il quantitative easing fa aumentare gli acquisti di BTC

By Federico Izzi - 17 Apr 2020

Chevron down
Ascolta qui
download

Il quantitative easing che si sta attivando negli Stati Uniti, con l’inondazione da 6 trilioni di dollari nei mercati finanziari, così come i contributi che il governo USA sta inviando, contributi statali alla popolazione, stanno facendo registrare un aumento degli acquisti di Bitcoin nel territorio degli Stati Uniti da parte dei retail.

È un dato che dovrà essere confermato nelle prossime settimane ma che comunque indica un aumento dell’interesse che già nella scorsa settimana ha visto la ricerca delle parole Bitcoin e Bitcoin halving segnare un rialzo di oltre il 30%. ciò dimostra l’interesse sulle criptovalute in questo particolare momento.

I prezzi hanno rallentato la spinta e in queste ultime ore si trovano a consolidare vicino ai massimi di periodo.

coin360 20200417
Fonte: COIN360.com

Scorrendo la lista delle principali crypto capitalizzate, il primo segno rosso, anche se poco rilevante, è la lieve discesa di Crypto.com Coin (CRO) al 19° posto che perde lo 0,4%. 

Tra le migliori di giornata continuano spiccare Tezos (XTZ) e Chainlink (LINK) con rialzi che continuano a spiccare e le differenziano tra le migliori delle big con un +7% per entrambe.

Tra le migliori di giornata c’è Digibyte (DGB), 54° posizione, che sale di oltre il 20%. Komodo sfiora il 10%.

Dalla parte opposta ci sono ribassi molto contenuti. La peggiore di oggi, al contrario di ieri, è ABBC Coin (ABBC) con un ritracciamento oltre il 5%. 

La stabilizzazione dei prezzi vede comunque avviare la settimana a concludersi con un saldo positivo. Se così dovesse essere confermato anche fino a domenica, sarebbe la quinta settimana consecutiva al rialzo, evento che non si registrava addirittura da un anno, dal maggio 2019. 

Una settimana che vede una prevalenza di segni positivi anche tra le altcoin. Scorrendo le prime 30 ci sono su base settimanale solamente due saldi negativi, quello di Bitcoin Cash (BCH) che scende di circa il 2% dai livelli di venerdì scorso. Fa molto peggio Maker (MKR), in 28° posizione, con uno scivolone di circa l’8%. 

Tra le migliori su base settimanale c’è da evidenziare il rialzo di Ethereum (ETH) che con il forte balzo di ieri spunta oltre l’8%. Molto meglio Binance Coin (BNB), Tezos e Chainlink con salite di oltre il 10%. 

L’andamento esploso nella giornata di ieri fa balzare anche i volumi che anche oggi si mantengono elevati sopra i 110 miliardi di capitalizzazione anche se inferiori a ieri ma sopra la media di scambi dell’ultima settimana. 

Si evidenzia in questa settimana l’aumento dei volumi che si registra sugli scambi dei future sia regolamentati del CME e di Bakkt sia quelli OTC sulle varie piattaforme degli exchange.

Il market cap si mantiene sopra i 200 miliardi di dollari. La dominance di Bitcoin è invariata al 64%. Anche Ethereum e Ripple rimangono invariate al livello di ieri. 

BTC 20200417
Grafico Bitcoin by Tradingview

Bitcoin (BTC)

Bitcoin sale sopra i 7.000 dollari con spunti che vedono in queste ultime ore rialzi oltre i 7.100 dollari, livelli importanti per Bitcoin perché sono i massimi dell’ultima settimana. I 7.000 dollari infatti erano stati abbandonati con il ribasso di venerdì scorso.

Per Bitcoin nel fine settimana sarà importante confermare la tenuta dei prezzi e la stabilizzazione dei volumi che sono andati ben oltre 1 miliardo di scambi in controvalore in dollari. 

Bisognerà anche non tornare sotto i 6.500 per non rovinare il rally delle ultime 24 ore.

ETH 20200417
Grafico Ethereum by Tradingview

Ethereum (ETH)

Ethereum si mantiene vicina ai massimi di ieri raggiunti poco sopra i 175 dollari. Le oscillazioni di queste ultime ore evidenziano uno stop del rialzo ma non particolarmente invasivo con prese di beneficio che non stanno provocando ritracciamenti o discese preoccupanti. 

Per Ethereum diventerebbe preoccupante solo una discesa nei prossimi giorni con prezzi che tornano sotto la soglia dei 150 dollari. Una rottura al rialzo dei 175 dollari sostenuta da acquisti proietterebbe i prezzi al prossimo livello di resistenza in area 190 dollari.

Federico Izzi
Federico Izzi

Analista finanziario e trader indipendente – Socio S.I.A.T. & Assob.it. Opera attivamente sui mercati azionari e dei derivati (futures ed opzioni) dal 1997. Precursore dell’analisi ciclica-volumetrica è noto per aver individuato i più importanti movimenti al rialzo ed al ribasso sui mercati finanziari degli ultimi anni. Partecipa annualmente come relatore all’ ITForum di Rimini dall’edizione del 2010 ed InvestingRoma e Napoli dalla prima edizione del 2015. Interviene come ospite ed esperto dei mercati durante le trasmissioni “Trading Room” e “Market Driver” di Class CNBC, Borsa Diretta.tv e nel TG serale di Traderlink. Da luglio 2017 è ospite fisso su LeFonti.TV nell’unico spazio nazionale settimanale dedicato alle criptovalute insieme ai più importanti esperti internazionali del settore. Periodicamente pubblica articoli su ITForum News, Sole24Ore, TrendOnLine, Wall Street Italia. E’ stato intervistato in qualità di esperto di criptovalute per: Forbes Italia, Panorama, StartupItalia, DonnaModerna. E’ stato riconosciuto come primo analista tecnico italiano ad aver pubblicato la prima analisi ciclica secolare sul Bitcoin. Federico Izzi è… Zio Romolo

Utilizziamo i cookie per essere sicuri che tu possa avere la migliore esperienza sul nostro sito. Se continui ad utilizzare questo sito noi assumiamo che tu ne sia felice.