Stablecoin: aumenta il market cap di Tether e non solo
Stablecoin: aumenta il market cap di Tether e non solo
Trading

Stablecoin: aumenta il market cap di Tether e non solo

By Federico Izzi - 22 Apr 2020

Chevron down

La situazione incerta dei mercati sembra rafforzare il market cap delle stablecoin

Dopo le tensioni di lunedì, che hanno visto chiudere in negativo il prezzo del greggio statunitense WTI oil, anche ieri, dopo la chiusura del contratto di maggio, le tensioni si sono spostate sul futures di giugno che in poche ore è sceso sotto la quotazione dei 13 dollari.

Le tensioni si acuiscono sempre di più e, se dovessero continuare come si teme anche nelle prossime settimane, ciò si ripercuoterà sugli altri asset dei mercati finanziari e potrebbe coinvolgere anche altre materie prime. 

Queste tensioni ieri hanno anche visto nuovamente sotto pressione i mercati azionari negli Stati Uniti e in Europa, non tanto per ciò che sta accadendo sul greggio statunitense ma anche per le problematiche che continuano a rimanere sulla gestione dell’economia. 

La crisi del Covid sembra sia stata quasi un pretesto per far esplodere ciò che bolliva da diversi mesi.

In un periodo così teso, le persone e gli investitori anche non professionali ricorrono a una stabilità dei propri capitali, tanto che l’oro ha raggiunto i massimi degli ultimi 8 anni, raggiunti la scorsa settimana a 1.780 dollari segnati il 14 aprile. 

L’oro ha poi visto una flessione in questi ultimi giorni con ritorni sotto i 1700 dollari, ma comunque rimane il bene di rifugio principale. 

Oltre all’oro, gli investitori cercano una protezione nella valuta fiat che in questi casi sembra essere il metodo più veloce. Si ricorre perciò alla moneta più forte a livello mondiale.

Ciò vede il dollaro rafforzarsi ma al tempo stesso diminuire la liquidità. In questi equilibri altri asset possono trovare un motivo per rafforzarsi. Le stablecoin, per esempio, nelle ultime 2-3 settimane vedono che il market cap totale del loro settore superare i 9 miliardi di dollari, record assoluti.

La facilità di spostamento della valuta fiat sotto forma di stablecoin in questo periodo di elevate tensioni trova sempre più applicazione e questo le fa superare i 9 miliardi di capitalizzazione, con Tether che visto il record di ieri detiene l’84% del market cap con i suoi 7 miliardi di dollari.

coin360 20200422
Fonte: COIN360.com

La giornata di oggi, dopo i ribassi degli ultimi giorni, vede nuovamente tornare i segni verdi. Oggi prevalgono i segni positivi con il 70% delle crypto in verde, non veri rialzi ma una reazione dagli arretramenti accusati nella giornata di ieri.

Tra le prime 10 si equilibrano i segni rossi e verdi. In territorio negativo Bitcoin (BTC), Ethereum (ETH) e Ripple (XRP) con ribassi contenuti che non si spingono oltre lo 0,5%, mentre invece in territorio positivo si fa notare Tezos (XTZ) che sale oltre l’1%.

XTZ 20200422

Tra i maggiori rialzi di giornata continua ad esserci la buona performance di Enjin Coin (ENJ), che oggi continua a salire con un balzo di oltre il 4%. Tra le migliori tre delle prime 100 ci sono anche DigiByte (DGB) con +8% e Status (SNT) con un rialzo di circa il 5%. 

I rialzi di oggi permettono alla capitalizzazione totale di tornare a sfiorare i 200 miliardi di dollari. 

La dominance di Bitcoin, Ethereum e Ripple rimane invariata dai livelli delle ultime 48 ore.

BTC 20200422
Grafico Bitcoin by Tradingview

Prezzo Bitcoin (BTC)

Bitcoin torna a reagire al movimento ribassista che ha caratterizzato i prezzi degli ultimi 3 giorni e oggi prova a recuperare i 7.000 dollari. Per Bitcoin, in un’ottica rialzista, è necessario spingersi al più presto oltre i 7.150 dollari. 

Nel caso di una violazione dei minimi di ieri e precisamente dei 6.750 dollari si aprirebbe spazio per rivedere i 6.500 e poi nell’eventualità di un ulteriore affondo iniziare a valutare la possibilità di chiusura dell’attuale ciclo mensile con una profondità più estesa di quella ipotizzata e con un massimo di estensione che non dovrà spingersi oltre i 5.900 dollari, altrimenti si aprirebbe una fase delicata e pericolosa a pochi giorni dall’halving.

ETH 20200422
Grafico Ethereum by Tradingview

Ethereum (ETH)

Ethereum rimane all’interno del canale rialzista iniziato con i minimi del 16 marzo e che sinora disegna minimi e massimi superiori in un contesto su base mensile. 

Ethereum oggi prova a recuperare la soglia dei 175 dollari, ex area di resistenza fino alla scorsa settimana. Per ETH è necessario nei prossimi giorni anche considerare di essere prossima alla chiusura del ciclo mensile la tenuta dei 155-160 dollari. 

In caso di tenuta questo livello di supporto per ETH sarà un segnale positivo e al rialzo. Un’eventuale rottura dovrà mantenere la rottura del supporto successivo individuato in area 145 dollari. 

Sotto questo livello l’attuale struttura rialzista presente da metà marzo inizierebbe a dare segnale ribassisti della possibilità di un nuovo cambio trend in ottica di medio periodo.

Federico Izzi
Federico Izzi

Analista finanziario e trader indipendente – Socio S.I.A.T. & Assob.it. Opera attivamente sui mercati azionari e dei derivati (futures ed opzioni) dal 1997. Precursore dell’analisi ciclica-volumetrica è noto per aver individuato i più importanti movimenti al rialzo ed al ribasso sui mercati finanziari degli ultimi anni. Partecipa annualmente come relatore all’ ITForum di Rimini dall’edizione del 2010 ed InvestingRoma e Napoli dalla prima edizione del 2015. Interviene come ospite ed esperto dei mercati durante le trasmissioni “Trading Room” e “Market Driver” di Class CNBC, Borsa Diretta.tv e nel TG serale di Traderlink. Da luglio 2017 è ospite fisso su LeFonti.TV nell’unico spazio nazionale settimanale dedicato alle criptovalute insieme ai più importanti esperti internazionali del settore. Periodicamente pubblica articoli su ITForum News, Sole24Ore, TrendOnLine, Wall Street Italia. E’ stato intervistato in qualità di esperto di criptovalute per: Forbes Italia, Panorama, StartupItalia, DonnaModerna. E’ stato riconosciuto come primo analista tecnico italiano ad aver pubblicato la prima analisi ciclica secolare sul Bitcoin. Federico Izzi è… Zio Romolo

Utilizziamo i cookie per essere sicuri che tu possa avere la migliore esperienza sul nostro sito. Se continui ad utilizzare questo sito noi assumiamo che tu ne sia felice.