banner
La regolamentazione crypto nei Paesi post-sovietici
La regolamentazione crypto nei Paesi post-sovietici
Blockchain

La regolamentazione crypto nei Paesi post-sovietici

By Giorgi Mikhelidze - 25 Apr 2020

Chevron down

Purtroppo le regolamentazioni crypto rendono le cose un po’ più difficili, soprattutto nei Paesi post-sovietici. Ci sono alcuni Paesi che permettono la coesistenza di bitcoin con le monete FIAT, ma ce ne sono alcuni che l’hanno vietato, sostenendo che se una moneta non è controllata da un governo, non è legale. 

Alcuni dei Paesi più interessanti sono quelli post-sovietici. Per questo motivo abbiamo creato questa breve analisi di ciò che è la situazione della regolamentazione crypto nei paesi post-sovietici. 

La regolamentazione crypto nei Paesi post-sovietici

  1. Turkmenistan – Le Crypto nel Turkmenistan sono oggetto di controversie. Le ICO sono state bandite dal governo tempo fa, ma non vi è un chiaro divieto governativo.
  2. Estonia – Sorprendentemente, l’Estonia è uno dei Paesi più aperti alle crypto. Qui si possono acquistare senza problemi fino a mille euro al mese. Tuttavia, se l’importo supera i mille euro, potrebbe essere necessario notificare il governo. 

In ogni caso, bitcoin è sempre stato legale in Estonia. E invece di vietarlo, il governo estone ha creato un modo per far sì che la gente lo usi e lo sfrutti a proprio vantaggio economico.   

  1. Lettonia – Al contrario, la Lettonia non è così aperta nei confronti delle criptovalute. La situazione delle criptovalute qui è controversa, nonostante siano state lanciate 26 ICO in Lettonia. Nel 2017, la Lettonia ha aggiunto le crypto alle leggi antiriciclaggio e ha introdotto requisiti di monitoraggio per i provider di valute virtuali. 
  2. Lituania – In Lituania bitcoin è legale. Sì, avete sentito bene. La Lituania ha reso legale bitcoin per migliorare la propria economia. 33 ICO sono state organizzate in Lituania nel 2017. È molto facile comprare o vendere criptovalute in questo paese.
  3. Georgia – Non ci sono molte cose che sappiamo della Georgia nel settore delle criptovalute. Una cosa che sappiamo, però, è che la Georgia ha esentato le crypto dall’imposta sul valore aggiunto. Ad ogni modo, le ICO sono limitate in Georgia. 
  4. Azerbaigian – Le criptovalute sono legali anche qui, ma la banca centrale ha consigliato alla gente di procedere con cautela nel trading di crypto. Inoltre, le regolamentazioni sono in fase di elaborazione in questo momento e la situazione futura dell’Azerbaigian per quanto riguarda le crypto è sconosciuta. Tuttavia, ci sono state molte notizie secondo le quali l’Azerbaigian ha iniziato a utilizzare la tecnologia blockchain. 
  5. Russia – La Russia ha riconosciuto bitcoin come “non illegale” nel 2017. La situazione lì sta migliorando, il mining e il trading di criptovalute dovrebbero rientrare nel codice fiscale russo
  6. Uzbekistan – L’Uzbekistan è uno dei leader mondiali quando si parla di adozione delle criptovalute. Il Paese ha reso legale il bitcoin e ha inoltre dichiarato che il trading e il mining sono legali e non sono soggetti a tasse. 
  7. Armenia – L’Armenia non ha reso legale il bitcoin o altri tipi di criptovalute, quindi la situazione delle criptovalute è piuttosto controversa. Probabilmente stanno aspettando che altri paesi facciano da esempio in questo caso. Come tale, l’Armenia non è un paese favorevole al bitcoin e alle criptovalute. 
  8. Kirghizistan – Bitcoin è legale, ma il suo uso come valuta negli insediamenti nazionali è proibito dal governo.
  9. Kazakistan – Il Presidente del Kazakistan ha richiesto la regolamentazione delle criptovalute sotto la supervisione dell’ONU. Il Paese sembra puntare a diventare uno dei leader mondiali dell’adozione delle crypto, Binance ha persino aggiunto delle opzioni per accettare la moneta kazaka.
  10. Moldavia – La situazione crypto in Moldavia è contestata. La banca centrale ha spiegato ai propri clienti che investire nelle crypto è altamente rischioso e non è consigliato.  
  11. Tagikistan – Le criptovalute non sono legali in Tagikistan e la loro banca centrale ha annunciato ai loro clienti che ci sono rischi legati al loro utilizzo. Pertanto, anche la situazione del Tagikistan è piuttosto controversa, dato che il bitcoin non è illegale in quel Paese, ma nemmeno legale.
  12. Bielorussia – La Bielorussia è uno dei leader che reputa il bitcoin legale. C’è di più, il mining e le operazioni crypto non sono soggette a tassazione. Le criptovalute sono regolamentate e recentemente hanno proposto una legge che permette al governo di sequestrare la crypto ai criminali. 
  13. Ucraina – L’Ucraina sembra essere un paese che vuole regolamentare le criptovalute. Recentemente hanno lavorato con Binance per stabilire un quadro normativo. Inoltre, l’agenzia delle entrate dell’Ucraina ha proposto alcune linee guida in modo che i cittadini sappiano come dichiarare le loro proprietà di criptovalute.  
  14. Romania – Recentemente, il loro governo ha proposto un modo per regolamentare le criptovalute e le transazioni crypto, il che è simile alla loro politica sul gioco d’azzardo. Le criptovalute sono legali in Romania e sono anche tassabili.

Sembra che i Paesi post-sovietici siano generalmente aperti alle criptovalute, a patto che i contribuenti dichiarino le entrate ottenute da esse o che ciò faccia aumentare il loro potere economico. 

Una cosa che vale la pena menzionare è che paesi come l’Estonia, la Lituania o la Bielorussia sono particolarmente aperti alle criptovalute e hanno fatto enormi progressi nella loro regolamentazione.

Giorgi Mikhelidze
Giorgi Mikhelidze

Giorgi è un software developer che vive in Georgia con due anni di esperienza nel trading sui mercati finanziari. Ora lavora per aumentare la conoscenza della Blockchain nel suo Paese e cerca di condividere le sue scoperte e ricerche con quanta più gente possibile.

Utilizziamo i cookie per essere sicuri che tu possa avere la migliore esperienza sul nostro sito. Se continui ad utilizzare questo sito noi assumiamo che tu ne sia felice.