Bitcoin in fase di ritracciamento
Bitcoin in fase di ritracciamento
Trading

Bitcoin in fase di ritracciamento

By Federico Izzi - 22 Mag 2020

Chevron down

Dopo un periodo di rialzi arriva quello che è il primo vero affondo delle ultime settimane, caratterizzato da un ritracciamento del Bitcoin. 

La settimana, se non riservasse sorprese positive nel corso del weekend, si avvia a concludersi con il passo indietro più profondo che non si registrava dalla prima settimana di marzo, che caratterizzò poi il movimento ribassista che spinse l’intero settore a toccare i minimi di periodo dai quali era iniziato il prima timido e poi allegro rialzo che ha portato nella scorsa settimana a recuperare totalmente l’intero movimento.

Ieri la tendenza ribassista che continua ad essere guidata dagli andamenti di Bitcoin ha visto la seconda giornata consecutiva al ribasso riportando indietro le quotazioni ai livelli di 10 giorni fa. Ma Bitcoin rimane a livelli ancora superiori a quelli che avevano caratterizzato il pre-halving. 

coin360 20200522
Fonte: COIN360.com

La giornata sulla scia di quanto sta accadendo in queste ultime 48 ore vede una netta prevalenza di segni negativi con oltre l’80% delle criptovalute in rosso. 

Tra le big la media di ribasso è di oltre il 4%. Tra le prime 15 i ribassi più profondi sono Cardano (ADA) -7%, seguita da Chainlink (LINK), -6%, e Tezos (XTZ), -5%. 

Si tratta delle crypto che insieme a Stellar (XLM) che oggi scende del -5% si contendono le posizioni dalla 10 alla 13, anche se Tezos sembra aver consolidato la 10° posizione.

Bitcoin oggi cede il 4,5%. Ethereum abbandona la soglia psicologica dei 200 dollari scivolando del 5%. 

Ripple abbandona la terza posizione. I segnali che arrivavano già nei giorni scorsi vedono infatti Tether, prima delle stablecoin, guadagnare la terza posizione in classifica, con un balzo importante che al momento stacca XRP per capitalizzazione di circa 300 milioni di dollari. Ripple invece cede il 3,5% del suo valore.

OMG 20200522

Ci sono pochi segni verdi, la prima è OmiseGo (OMG) che va controtendenza rispetto al resto del settore e mette a segno un rialzo di oltre il 40%. OmiseGo è un progetto thailandese lanciato nel 2017 che si caratterizzò per una raccolta ICO che raggiunse gli obiettivi già prima del lancio. 

È una piattaforma che offre accesso a servizi finanziari con la possibilità di transazioni immediate peer to peer e uno scambio anche di attività e applicazioni transfrontaliere, con l’accesso anche ad una suite di wallet che consente agli utenti di interagire e di creare transazioni digitali. 

OmiseGo su base settimanale vola e fa ancora meglio con un rialzo che sfiora il 70%, portandosi ai massimi degli ultimi 10 mesi in area 1,75 dollari. 

È una settimana che si avvia a concludersi al ribasso con il Bitcoin che cede circa il 5% sia dall’inizio della settimana sia dai livelli di venerdì scorso. È un ribasso che non si può considerare crollo in quanto i rialzi precedenti sembrano più essere al momento prese di beneficio da parte degli operatori che guidate da un vero e proprio panic selling.

I volumi delle ultime 24 ore oltre 3,5 miliardi in controvalore in dollari, restano i più alti da venerdì scorso. Questo evidenzia come ci siano tensioni dovute alla lotta tra Orsi e Tori, anche se sembra essere più una ribellione dell’Orso che non una vera e propria zampata ribassista.

Il movimento ribassista ha riportato il market cap a 250 miliardi di dollari. La dominance del Bitcoin rimane invariata al 66,5%. Guadagna una frazione decimale Ethereum che si riporta all’8.8% e Ripple che non scende ma si mantiene al 3,4%, livelli più bassi degli ultimi tre anni.

BTC 20200522
Grafico Bitcoin by Tradingview

Bitcoin (BTC) in ritracciamento

Bitcoin rompe la trendline rialzista di breve pur rimanendo all’interno del canale rialzista si porta in prossimità della neckline inferiore dello stesso canale. Neckline che al momento passa in area 8.650-8.700 dollari. 

Sono questi i livelli che evidenzierebbero un cambio di passo dopo oltre due mesi di ininterrotta salita. Considerati i minimi di marzo e i massimi di maggio in area 10.000 che continua a confermare l’importanza di questo livello psicologico, il movimento delle ultime ore vede un ritracciamento di circa il 25%. È un movimento importante nel breve periodo ma al momento non così preoccupante in ottica di medio e lungo periodo. 

È importante per BTC superare il fine settimana senza affondi sotto gli 8.650 dollari. In caso di violazione è importante la tenuta dei minimi pre halving in area 8.100 dollari. 

Al rialzo i livelli da raggiungere in una fase particolare e nel pieno di un movimento che da 48 ore è caratterizzato al ribasso, l’unico livello di resistenza da seguire rimangono i 9.900-10.000 dollari, resistenza psicologica ora diventata anche tecnica in ottica di breve periodo.

ETH 20200522
Grafico Ethereum by Tradingview

Ethereum (ETH)

Il ribasso non risparmia Ethereum che ritorna sotto la neckline del canale rialzista. Con la rottura della soglia psicologica dei 200 dollari i prezzi si riportano in queste ore a testare il supporto tecnico di area 190 dollari. 

È importante per ETH mantenere le quotazioni sopra questo livello, in caso contrario il supporto è a 170-175 dollari. 

Al rialzo Ethereum disegna un triplo massimo in area 215 dollari che evidenzia una decisa protezione da parte degli Orsi: ogni volta che i prezzi in questo ultimo mese hanno tentato la rottura dei 215 dollari sono stati respinti per ben tre volte.

È necessario per ETH consolidare il movimento in questi livelli, senza spingersi oltre i 175 dollari in quanto un consolidamento dei 190 dollari potrebbe rafforzare un eventuale prossimo attacco dei 215 dollari. 

Federico Izzi
Federico Izzi

Analista finanziario e trader indipendente – Socio S.I.A.T. & Assob.it. Opera attivamente sui mercati azionari e dei derivati (futures ed opzioni) dal 1997. Precursore dell’analisi ciclica-volumetrica è noto per aver individuato i più importanti movimenti al rialzo ed al ribasso sui mercati finanziari degli ultimi anni. Partecipa annualmente come relatore all’ ITForum di Rimini dall’edizione del 2010 ed InvestingRoma e Napoli dalla prima edizione del 2015. Interviene come ospite ed esperto dei mercati durante le trasmissioni “Trading Room” e “Market Driver” di Class CNBC, Borsa Diretta.tv e nel TG serale di Traderlink. Da luglio 2017 è ospite fisso su LeFonti.TV nell’unico spazio nazionale settimanale dedicato alle criptovalute insieme ai più importanti esperti internazionali del settore. Periodicamente pubblica articoli su ITForum News, Sole24Ore, TrendOnLine, Wall Street Italia. E’ stato intervistato in qualità di esperto di criptovalute per: Forbes Italia, Panorama, StartupItalia, DonnaModerna. E’ stato riconosciuto come primo analista tecnico italiano ad aver pubblicato la prima analisi ciclica secolare sul Bitcoin. Federico Izzi è… Zio Romolo

Utilizziamo i cookie per essere sicuri che tu possa avere la migliore esperienza sul nostro sito. Se continui ad utilizzare questo sito noi assumiamo che tu ne sia felice.