BitMEX chiarisce i suoi ultimi problemi
BitMEX chiarisce i suoi ultimi problemi
Sicurezza

BitMEX chiarisce i suoi ultimi problemi

By Alfredo de Candia - 22 Mag 2020

Chevron down

In un report dettagliato, l’exchange BitMEX, ha chiarito i problemi dei giorni scorsi che hanno portato alla chiusura temporanea:

Il report inizia con le scuse da parte dell’exchange che ha dovuto chiudere le operazioni per un periodo di circa 90 minuti. In quel frangente infatti nessuna operazione poteva essere fatta. Poi il report continua esponendo l’accaduto.

Il problema è avvenuto lo scorso 19 maggio intorno alle 12:00 UTC, quando si è verificato un riavvio dei server dei trading. In appena 13 minuti sono state mandate le email con l’avviso del problema agli utenti.

Mezz’ora dopo il ripristino dei server, purtroppo gli stessi si sono riavviati per una seconda volta. Il problema è stato causato da un guasto di tipo hardware, mentre il ripristino vero e proprio è avviato solo un’ora dopo, alle 13:40, quando si sono potute riprendere le varie operazioni di trading.

BitMEX ha dichiarato che è sempre al lavoro per migliorare e mettere in sicurezza i suoi sistemi ma non può assicurare che questo problema non possa accadere di nuovo in futuro. Inoltre, a causa del blocco, sono stati cancellati oltre 38mila ordini, anche perché l’exchange ha integrato, per coloro che utilizzano le API, una funzione “Dead Man’s Switch” che permette di settare un timer per la cancellazione dell’ordine qualora l’exchange non fosse disponibile per qualche ragione.

Questo dimostra come la centralizzazione degli exchange è un problema da non sottovalutare e può comportare anche blocchi dovuti a problemi relativi all’hardware. Sono anche esposti ad attacchi esterni che possono avvenire e che avvengono quotidianamente. Infatti, nei commenti relativi all’accaduto, si sottolinea come questo tipo di piattaforme non sono sicure e si invitano ad utilizzare exchange decentralizzati o piattaforme che forniscono prodotti simili come quella di dYdX.

Alfredo de Candia
Alfredo de Candia

Android developer da oltre 8 anni sul playstore di Google con una decina di app, Alfredo a 21 anni ha scalato il Monte Fuji seguendo il detto "Chi scala il monte Fuji una volta nella vita è un uomo saggio, chi lo scala due volte è un pazzo". Tra le sue app troviamo un dizionario di giapponese, un database di spam e virus, il più completo database sui compleanni di serie Anime e Manga e un database sulle shitcoin. Miner della domenica, Alfredo ha una forte passione per le crypto ed è un fan di EOS.

Utilizziamo i cookie per essere sicuri che tu possa avere la migliore esperienza sul nostro sito. Se continui ad utilizzare questo sito noi assumiamo che tu ne sia felice.