banner
Paxful festeggia il 5° anno di attività
Paxful festeggia il 5° anno di attività
Bitcoin

Paxful festeggia il 5° anno di attività

By Marco Cavicchioli - 14 Lug 2020

Chevron down

Paxful festeggia il suo 5° anno di attività, avendo aperto nel luglio del 2015. 

Il marketplace P2P di bitcoin ormai conta: 

  • 4,5 milioni di wallet registrati, 
  • più di 44 milioni di scambi effettuati,  
  • circa 4,6 miliardi di dollari di volumi di scambio. 

In particolare nella seconda metà di giugno ha raggiunto i suoi massimi storici per quanto riguarda i volumi di scambio, con quasi 46 milioni di dollari scambiati nella settimana che terminava il 20 di giugno. 

Inoltre l’importo medio per operazione è salito a 102 $, ovvero il doppio della media del 2015, che fu di 45 $.

Nel corso di questi cinque anni la piattaforma è cresciuta ed evoluta, tanto che ora ad esempio la percentuale di controversie è scesa sotto l’1%, ed è di fatto utilizzabile da qualsiasi parte del mondo. 

In media ogni anno si sono iscritti alla piattaforma 1 milione di utenti, e nel 2020 potrebbero essere addirittura 2 milioni. 

Secondo Paxful ad attrarre utenti da tutto il mondo sulla loro piattaforma di compravendita P2P di bitcoin potrebbero essere: 

  • i tassi di inflazione elevati che si stanno registrando il alcuni paesi, 
  • alcune valute nazionali particolarmente deboli, 
  • infrastrutture finanziarie inadeguate,
  • crescente incertezza economica. 

In effetti gli Stati in cui è cresciuto maggiormente l’utilizzo di questa piattaforma ultimamente sono Argentina, Cina, India, Kenya, Filippine, ed Emirati Arabi Uniti. 

I mercati principali invece sono la Nigeria, gli Stati Uniti, il Ghana, l’India ed il Kenya. 

Paxful, 5° anno nel segno della crescita

La maggior crescita comunque si sta registrando in questo 2020. Ad esempio il primo semestre del 2020 ha fatto registrare un incremento del 34% del volume degli scambi rispetto allo stesso periodo dell’anno scorso, con una media di oltre 182 milioni di dollari scambiati ogni mese. 

Inoltre, sempre nel primo semestre del 2020 si sono registrati 1,1 milioni di nuovi utenti, con un incremento del 130% rispetto ai 488.000 nuovi utenti registratisi nel primo semestre del 2019. 

Ora la società conta 265 dipendenti distribuiti in 4 uffici a New York, Hong Kong, Tallinn (Estonia) e Manila (Filippine). 

Infine va ricordata la campagna di beneficenza #BuiltWithBitcoin, che ha portato alla costruzione di tre scuole in Africa per aiutare 500 studenti e le loro famiglie con un programma di borse di studio ed un fondo per aiutare i paesi africani nella lotta contro COVID-19. 

Il CEO e co-fondatore di Paxful, Ray Youssef, ha dichiarato: 

“Abbiamo creato Paxful per aiutare il ragazzino e creare ricchezza per chi ne ha più bisogno. Ci sono persone che vivono con restrizioni e limitazioni che non possiamo immaginare. Perché avvenga una vera inclusione finanziaria, è necessario un mercato libero per i trasferimenti di denaro. La compagnia si allinea alla missione originale di Bitcoin, poiché sentivo che dovevamo dare all’umanità un mercato basato sulle persone”. 

Il COO e co-fondatore, Artur Schaback, ha aggiunto: 

“Siamo un’azienda focalizzata sulle persone e utilizziamo la tecnologia blockchain nel miglior modo possibile a beneficio di chi ne ha più bisogno. Abbiamo imparato così tanto negli ultimi 5 anni e continueremo a costruire prodotti per accelerare il processo di inclusione finanziaria. Questa crescita è solo l’inizio per il mondo della finanza peer-to-peer”. 

Marco Cavicchioli
Marco Cavicchioli

Classe 1975, Marco è un docente di web-technologies e divulgatore online specializzato in criptovalute. Ha fondato ilBitcoin.news, ed il suo canale YouTube ha più di 25mila iscritti.

Utilizziamo i cookie per essere sicuri che tu possa avere la migliore esperienza sul nostro sito. Se continui ad utilizzare questo sito noi assumiamo che tu ne sia felice.