Bitcoin: nuovi record sull’exchange Paxful
Bitcoin: nuovi record sull’exchange Paxful
Bitcoin

Bitcoin: nuovi record sull’exchange Paxful

By Marco Cavicchioli - 10 Ago 2020

Chevron down
Ascolta qui
download

Paxful è un exchange P2P di bitcoin molto simile a LocalBitcoins. 

Questo consente di pubblicare le statistiche aggiornate settimanalmente dei volumi di scambio, coppia per coppia. 

Visto che le coppie disponibili sono in varie valute fiat, analizzando i grafici degli scambi su ogni singola coppia è possibile avere idea di come variano i volumi di scambio in diversi paesi. 

In realtà, le valute fiat disponibili su Paxful sono meno rispetto a quelle disponibili su LocalBitcoins, tanto che ad esempio il Bolivar venezuelano non c’è. 

Ma tra quelle disponibili ve ne sono tre che nell’ultima settimana hanno fatto registrare i volumi di scambio massimi di sempre sulla piattaforma. 

Certo, nel complesso i volumi dell’intera piattaforma sono ancora contenuti, visto che ad esempio nell’ultima settimana sono stati scambiati bitcoin per un valore di poco inferiore ai 34,5 milioni di dollari, ma si stanno velocemente avvicinando a quelli di LocalBitcoins, fermi a poco meno di 41,5 milioni nell’ultima settimana. 

Rispetto ad un anno fa i volumi su Paxful sono aumentati quasi dell’80%, e con questo ritmo prima o poi potrebbe raggiungere LocalBitcoins, i cui volumi invece rispetto a 12 mesi fa si sono ridotti del 22%. 

Paxful, record di scambi su Bitcoin

I quattro mercati che hanno fatto registrare il nuovo massimo storico assoluto su Paxful la scorsa settimana sono Argentina, Hong Kong, Kenya, e Filippine, con volumi molto sostenuti anche in USA, Gran Bretagna e India, e volumi sostenuti in Australia, Canada, Cina, zona Euro, ed Emirati Arabi Uniti. 

Insomma, gli scambi su Paxful sono in aumento un po’ dappertutto, ma con veri e propri picchi nei quattro Stati in cui si è registrato il massimo storico assoluto. 

A dire il vero, però, in Argentina si è trattato di un volume di scambi di appena 3 BTC, mentre ad Hong Kong sono stati scambiati solo 9 BTC nell’ultima settimana su Paxful. 

Numeri decisamente più interessanti quelli delle Filippine, con 98 BTC, e decisamente interessanti in Kenya con addirittura 232 BTC, pari a 313 milioni di scellini kenioti (KES), o 2,8 milioni di dollari americani. 

Il precedente record settimanale in Kenya su Paxful era di 255 milioni di KES, pertanto è stato superato del 22%, mentre un anno fa il volume settimanale ad inizio agosto fu di appena 17 milioni di KES. 

Anche su Localbitcoins il Kenya ha fatto registrare un nuovo massimo assoluto, con 128 milioni di KES, ovvero meno della metà di Paxful. 

L’anno scorso il volume su Localbitcoins fu di quasi 70 milioni di KES, pertanto anche su questa piattaforma l’incremento è notevole. 

Va detto che anche su Google Trends negli ultimi 7 giorni il volume di ricerche della parola “bitcoin” risulta particolarmente elevato in Africa, non solo in Kenya, ma anche in Ghana ed in Nigeria, dove addirittura risulterebbe essere stato il maggiore al mondo nell’ultima settimana. 

Dopo il Sud America, è possibile che l’Africa sia il prossimo continente in cui bitcoin potrebbe diffondersi come alternativa alle valute fiat locale come riserva di valore.

Marco Cavicchioli
Marco Cavicchioli

Classe 1975, Marco è un docente di web-technologies e divulgatore online specializzato in criptovalute. Ha fondato ilBitcoin.news, ed il suo canale YouTube ha più di 25mila iscritti.

Utilizziamo i cookie per essere sicuri che tu possa avere la migliore esperienza sul nostro sito. Se continui ad utilizzare questo sito noi assumiamo che tu ne sia felice.