Elon Musk: un altro giveaway scam
Elon Musk: un altro giveaway scam
Sicurezza

Elon Musk: un altro giveaway scam

By Amelia Tomasicchio - 14 Ago 2020

Chevron down

Elon Musk è di nuovo al centro di un giveaway truffa che sta girando nelle chat crypto. Dei criminali del web, infatti, hanno creato un finto tweet del CEO di Tesla che prometterebbe dei premi ai crypto fan.

Si tratta appunto di uno scam poiché, ovviamente, Musk non ha mai scritto una cosa del genere ma è probabilmente un post modificato grazie a photoshop o programmi simili.

Questo il testo del messaggio fake:

musk giveaway scam

Fake crypto giveaway: Elon Musk non è il primo caso

Come spesso accade in questi casi, sotto al post di Musk si vedono dei commenti finti di persone che si dicono entusiaste di aver ricevuto criptovalute. E’ un metodo per far credere agli utenti che si tratta di un’operazione lecita, quando invece ovviamente non lo è.

Purtroppo sempre più spesso il nome di Elon Musk e di altri personaggi in vista del mondo crypto e non solo, vengono usati dai criminali per mettere in atto questo tipo di truffe online. Poco tempo fa, per esempio, alcuni hacker avevano addirittura hackerato Twitter postando commenti simili sul profilo di Musk, dei gemelli Winklevoss, di Bill Gates e di molti altri ancora.

Si tratta come sempre di scam e ogni volta che qualcuno chiede password, seed, dati o di inviare crypto si tratta sempre di truffe online volte solo a rubare informazioni personali o fondi.

Inoltre, al contrario delle truffe nel mondo tradizionale, nel mondo crypto è ancora più difficile riprendersi i fondi poiché, una volta effettuata una transazione, questa non è più modificabile visto che è basata su blockchain. A volte gli exchange, in caso di scam, bloccano gli address e non permettono agli hacker di liquidare il loro bottino, ma i fondi non vengono restituiti nel 99% dei casi.

Per esempio, infatti, nel caso di DForce, gli hacker avevano restituito i fondi, essendo impossibilitati a liquidare le crypto rubate.

Esistono anche dei database per controllare se un address è scam e se quindi è in mano a criminali ed usato in precedenti truffe, ma purtroppo questi spesso non sono aggiornati con le ultime novità.

 

Amelia Tomasicchio
Amelia Tomasicchio

Esperta di digital marketing, Amelia inizia a lavorare nel settore fintech nel 2014 dopo aver scritto la sua tesi di laurea sulla tecnologia Bitcoin. Precedentemente è stata un'autrice di Cointelegraph e CMO di Eidoo. Oggi è co-founder e direttrice di Cryptonomist.

Utilizziamo i cookie per essere sicuri che tu possa avere la migliore esperienza sul nostro sito. Se continui ad utilizzare questo sito noi assumiamo che tu ne sia felice.