banner
Ryanair: il CEO Michael O’Leary contro Bitcoin
Ryanair: il CEO Michael O’Leary contro Bitcoin
Bitcoin

Ryanair: il CEO Michael O’Leary contro Bitcoin

By Alfredo de Candia - 24 Ago 2020

Chevron down

Come riportato dal Sunday Times, il CEO di Ryanair, Michael O’Leary, ha commentato una news in merito ad uno schema Ponzi che viene pubblicizzato su diverse testate dubbie, e che fa riferimento allo scam già noto Bitcoin Lifestyle, affermando:

“Non ho mai, e non investirei mai un centesimo in Bitcoin, che credo rappresenti uno schema Ponzi”.

Le parole del CEO di Ryanair non lasciano quindi ad interpretazioni, spiegando non solo come lui non abbia investito un centesimo in Bitcoin, ma che lo stesso Bitcoin è uno schema Ponzi, cosa che non è assolutamente vera.

Perché Michael O’Leary sbaglia su Bitcoin

Molti degli scam che ci sono in questo settore ricadono nello schema Ponzi, che prende il nome da un immigrato italiano Carlo Ponzi.

Il sistema truffaldino promette alla vittima un ritorno dell’investimento davvero importante, cosa che convince le vittime ad investire nel progetto.

Gli elementi tipici di questo sistema sono:

  • L’ideatore dello schema, che può essere una persona o una società, promuove il prodotto finanziario;
  • La promessa di un tasso di crescita o di ROI davvero importante che può arrivare anche al 100% dell’investimento fatto, quindi raddoppiando la somma che la vittima versa;
  • L’offerta del prodotto a chiunque, tramite un semplice sito web;
  • Un sistema di inviti e passaparola in cui le persone possono iscriversi alla piattaforma e comprare un fantomatico pacchetto. Questo crea uno schema piramidale per cui chi si iscrive dovrà sempre trovare altri utenti così che il sistema non possa crollare.

Con questi elementi è facile comprendere come Bitcoin sia tutt’altro che uno schema Ponzi, perché:

  • Prima di tutto non ci sono società o qualcuno che voglia ottenere un guadagno diretto, mentre negli schemi Ponzi il denaro arriva direttamente nelle casse di una società;
  • Nessuno garantisce il ritorno dell’investimento fatto, anche se considerando la limitata supply di bitcoin è comprensibile come si possa applicare sul lungo termine il concetto di scarsità di bene che porta ad un aumento del prezzo;
  • L’asset non deve essere per forza comprato, dato che si può minare e chiunque può farlo senza nessun limite di sorta;
  • Ogni indirizzo è a se stante e quindi non c’è nessun guadagno da chi consiglia di investire in bitcoin, 
  • BTC è un asset libero e chiunque lo può comprare nella quantità desiderata, anche solo 1 satoshi, per assurdo.

Purtroppo i criminali sfruttano spesso i nomi di persone famose per promuovere scam di ogni genere, come accaduto nel recente attacco a Twitter.

Quindi, per quanto possa dire il CEO di Ryanair, Bitcoin non è uno scam e dicendo ciò si fa solo falsa informazione.

Alfredo de Candia
Alfredo de Candia

Android developer da oltre 8 anni sul playstore di Google con una decina di app, Alfredo a 21 anni ha scalato il Monte Fuji seguendo il detto "Chi scala il monte Fuji una volta nella vita è un uomo saggio, chi lo scala due volte è un pazzo". Tra le sue app troviamo un dizionario di giapponese, un database di spam e virus, il più completo database sui compleanni di serie Anime e Manga e un database sulle shitcoin. Miner della domenica, Alfredo ha una forte passione per le crypto ed è un fan di EOS.

Utilizziamo i cookie per essere sicuri che tu possa avere la migliore esperienza sul nostro sito. Se continui ad utilizzare questo sito noi assumiamo che tu ne sia felice.