VeChain per la tracciabilità su blockchain di McDonald’s e Walmart
VeChain per la tracciabilità su blockchain di McDonald’s e Walmart
Blockchain

VeChain per la tracciabilità su blockchain di McDonald’s e Walmart

By Eleonora Spagnolo - 18 Set 2020

Chevron down
Ascolta qui
download

VeChain potrà fornire una soluzione blockchain per la tracciabilità dei prodotti di colossi come McDonald’s e Walmart.

Entrambi i marchi infatti fanno parte della China Animal Health & Food Safety Alliance (CAFA) di cui VeChain entrerà a far parte come membro del consiglio.

CAFA è un’associazione governativa direttamente guidata dal ministero dell’agricoltura della Cina e che accoglie attualmente 130 membri.

Ne fanno parte colossi dell’industria del coop, tra i quali proprio McDonald’s e Walmart, ma anche piattaforme di ecommerce e produttori di cibo e bevande.

Sarà a loro che VeChain dovrà offrire un sistema di tracciamento che possa ricostruire la storia di un prodotto dalla fattoria fino alla tavola. 

Per fare questo VeChain si avvarrà di VeChain ToolChain. Grazie a questa piattaforma i membri dell’alleanza potranno registrare tutti i processi inerenti un prodotto in un modo sicuro e immutabile. Lo scopo è quello di aumentare l’affidabilità e la fiducia dei consumatori. 

Il tracciamento potrà includere tutti i processi: dalla coltivazione al packaging fino alla logistica e alla consegna. 

VeChain Toolchain operativa non solo per McDonald’s e Walmart

VeChain Toolchain è una piattaforma lanciata nel 2019 che si distingue per essere pronta all’uso e flessibile per quelle aziende che volessero utilizzarla per annotare i loro processi di produzione. 

Ha dalla sua parte il fatto di essere scalabile e con costi controllati. Per questo è già stata usata da Walmart Cina. Da poco ne è stato annunciato l’uso anche per tracciare il tè Yunnan Pu’er.

L’ingresso nella China Animal Health & Food Safety Alliance permetterà alle aziende e alle loro consociate che ne fanno parte di usufruire della piattaforma blockchain senza che sia VeChain a dover interagire con ciascuna di esse. 

Come spiegano dalla Fondazione VeChain:

“VeChain continua a promuovere l’adozione di massa esponenziale della tecnologia blockchain e a dare un valore tangibile alle imprese. Alimentando piattaforme di tracciabilità per associazioni come CAFA e altri partner simili, la blockchain VeChainThor verrebbe utilizzata da centinaia e migliaia di aziende senza bisogno che VeChain si rivolga a loro individualmente”. 

Con questo ingresso in un’associazione governativa, la Cina dimostra di mantenere attenzione e sensibilità verso la blockchain. Il tutto mentre sperimenta quella che potrebbe essere la prima criptovaluta di stato emessa nel mondo. 

Sono fattori che confermano come il paese asiatico sia decisamente avante nell’implementazione delle nuove tecnologie

 

Eleonora Spagnolo
Eleonora Spagnolo

Giornalista con la passione per il web e il mondo digitale. È laureata con lode in Editoria multimediale all’Università La Sapienza di Roma e ha frequentato un master in Web e Social Media Marketing.

Utilizziamo i cookie per essere sicuri che tu possa avere la migliore esperienza sul nostro sito. Se continui ad utilizzare questo sito noi assumiamo che tu ne sia felice.