Scoperti alcuni bug in Yeld.finance
Scoperti alcuni bug in Yeld.finance
Defi

Scoperti alcuni bug in Yeld.finance

By Marco Cavicchioli - 9 Ott 2020

Chevron down
Ascolta qui
download

Oggi Yeld.finance ha annunciato che sono stati scoperti alcuni bug nella beta di YELD, ed hanno deciso di spegnerla.

Yeld.finance è un nuovo protocollo di yield farming, lanciato a settembre, che premia i possessori di token e gli staker grazie ad una dApp per stablecoin. 

Inoltre consente di guadagnare ETH grazie all’algoritmo Retirement Yield, mettendo in staking i token YELD. 

Questo stesso token è progettato per aumentare di valore se più persone metteranno i loro token nella dApp di yield farming, grazie ad un sistema Buy&Burn migliorato che riduce l’offerta aumentando il valore. 

In particolare questo algoritmo divide a metà il rendimento giornaliero generato dagli utenti per acquistare automaticamente ETH e scambiarlo con token YELD su Uniswap. I token YELD acquistati in questo modo vengono bruciati per ridurre l’offerta totale. La supply circolante di YELD continuerà a ridursi fino a raggiungere 10.000 YELD.

In questo momento ad esempio a fronte di un supply totale di 60.000 token YELD, ce ne sono in circolazione solamente circa 32.000, mentre 20.000 sono premi per la pool. 

Gli staker vengono ricompensati con token YELD la cui offerta si riduce ad ogni interazione. Inoltre i portafogli di staking vengono continuamente ribilanciati per generare automaticamente il miglior APY da una varietà di protocolli di prestito, come Aave e Compound.

I bug di Yeld.Finance fanno crollare il prezzo del token

Tuttavia, nonostante due audit del codice, uno di Bramah Systems del 2 ottobre 2020, ed uno di CoinFabrik del 5 ottobre, ci sono ancora delle vulnerabilità che hanno richiesto la sospensione momentanea per poterli correggere. 

In realtà sebbene dApp sia ancora in fase beta, ovvero in fase di test operativo, il token YELD è scambiabile sui mercati crypto già dall’8 settembre, quando valeva circa 33$. 

Il prezzo è rimasto quasi costante fino a fine settembre, quando ha iniziato a salire. Il picco massimo lo ha raggiunto il 3 ottobre, quando ha toccato i 342$, ovvero più di dieci volte il valore che aveva solamente dieci giorni prima. 

Dopodichè però il prezzo è sceso fino a 270$, per poi crollare improvvisamente a 138$ dopo l’annuncio dei bug e della sospensione del servizio.

Novità riguardo l’incidente sono attese per domani.

Marco Cavicchioli
Marco Cavicchioli

Classe 1975, Marco è un docente di web-technologies e divulgatore online specializzato in criptovalute. Ha fondato ilBitcoin.news, ed il suo canale YouTube ha più di 25mila iscritti.

Utilizziamo i cookie per essere sicuri che tu possa avere la migliore esperienza sul nostro sito. Se continui ad utilizzare questo sito noi assumiamo che tu ne sia felice.