banner
La Guida definitiva su Dogecoin
La Guida definitiva su Dogecoin
Altcoin

La Guida definitiva su Dogecoin

By Guest post - 11 Ott 2020

Chevron down

Basato su un popolare meme, Doge, Dogecoin è stata introdotta come uno scherzo nel 2013. 

È riuscito a guadagnare una popolarità enorme tra la gente, raggiungendo il suo picco di capitalizzazione di mercato di 1 miliardo di dollari nel 2018. Il suo giorno di gloria è passato però, e Dogecoin è diventata una delle criptovalute che ha fallito.

Ma nonostante non valga più tanto come una volta, la storia di Dogecoin la rende una delle più sorprendenti criptovalute. Troverete una breve storia, le controversie e le notizie più recenti su Dogecoin nella guida qui sotto.

Cos’è Dogecoin: una guida

Ma prima di arrivare alla fantastica storia di Dogecoin, rispondiamo a una domanda cruciale. Che cos’è esattamente DOGE? Fortunatamente, comprenderlo non è molto complicato. In poche parole, Dogecoin è una criptovaluta peer-to-peer, open-source, basata su Litecoin.

Il suo obiettivo primario, oltre ad aggiungere un po’ di umorismo al mercato delle criptovalute, era quello di introdurre un’alternativa più accessibile per Bitcoin. Per questo motivo, non si distingue per alcuna caratteristica innovativa.

L’unica cosa che separa Dogecoin dalla maggior parte delle criptovalute è la sua natura inflazionistica. Bitcoin, per esempio, è una criptovaluta deflazionaria, il che significa che ha un supply fisso e prestabilito. Dogecoin non ha una cosa del genere.

La storia incredibile dietro Dogecoin

Secondo quanto avete letto sopra, probabilmente pensate che non ci sia nulla di interessante in Dogecoin. E ad essere onesti, hai assolutamente… ragione. Non è la criptovaluta che ha fatto più clamore. È la comunità DOGE.

Ma partiamo dall’inizio. Creata nel 2013 da Billy Markus, sviluppatore di software presso IBM, Dogecoin è una criptovaluta con protocollo Proof-of-Work che utilizza la tecnologia scrypt di Litecoin. 

Markus ha introdotto il suo lavoro a dicembre con un piccolo aiuto di Jackson Palmer. Quest’ultimo, all’epoca, era product manager presso la filiale australiana di Adobe Inc. Entrambi hanno deciso di commercializzare la loro criptovaluta come versione divertente di Bitcoin. E con l’uso di un meme popolare con un Shiba Inus nel logo, hanno fatto centro.

Dogecoin ha sollevato rapidamente un numero significativo di seguaci, diventando una delle più popolari criptovalute del mondo. È qui che la storia si fa interessante:

  • Nel gennaio 2014, la comunità Dogecoin ha donato 27 milioni di dogecoin per un valore di circa 25.000 dollari alla squadra di bob giamaicana, permettendo loro di iniziare le Olimpiadi;
  • Nel marzo dello stesso anno, la comunità ha raccolto 11.000 dollari per costruire un pozzo in Kenya;
  • Lo stesso anno Dogecoin diventa lo sponsor del pilota della NASCAR Josh Wise.

Insomma, nel primo anno Dogecoin ha avuto una capitalizzazione di mercato di oltre 20 milioni di dollari. E il fedele fanbase, naturalmente.

Controversie

Tutto è andato storto quando Jackson Palmer ha deciso di lasciare la community. Sosteneva che era diventata tossica. Tutto grazie a un uomo di nome Alex Green, che usava Dogecoin per riciclare denaro sporco.

La storia ha una conclusione ancora peggiore, con Green condannato a 11 anni di prigione a causa delle sue molteplici accuse di stupro. Questo triste avvenimento è stato l’unico difetto che ha guastato tutto nella storia di Dogecoin segnando l’inizio della fine per la criptovaluta.

L’inizio, perché il peggio doveva ancora venire. 

Stato attuale

Durante la famosa bolla che ha riguardato le criptovalute nel 2018, il valore di Dogecoin è salito alle stelle. Al suo apice, la criptovaluta era scambiata per 0,018 dollari, e il suo market cap era di oltre 2 miliardi di dollari. Sfortunatamente, è scesa in modo spettacolare con il resto delle criptovalute.

Da allora, Dogecoin non è riuscita a riconquistare il suo antico splendore. Al momento, è possibile scambiarla per 0,0022636 dollari. Per dargli più prospettiva, il valore di Bitcoin è di 10.722,17 dollari. 

C’è qualche speranza per Dogecoin? Purtroppo la risposta è no. L’ultimo aggiornamento è stato rilasciato più di due anni fa. L’unico motivo per cui è ancora viva è una community di fedeli miners, impegnati a mantenere in vita la criptovaluta.

In conclusione

Ed eccola qui, la storia dell’ascesa e della caduta di Dogecoin, una delle criptovalute più sorprendenti che si possano trovare. E sì, tecnicamente DOGE è ancora viva, ma non possiamo dire che stia anche bene.

Tuttavia, è affascinante come un progetto nato per scherzo sia riuscito a diventare una delle più significative criptovalute della storia. E anche se i suoi giorni di gloria sono passati da tempo, siamo abbastanza sicuri che la squadra di bob giamaicana ne sarà per sempre grata.

Con questo in mente, ora puoi riposare Dogecoin. Sei stato un bravo cagnolino.

Articolo di Albert Konik

Laureato all’Università di Economia e Commercio di Poznan, grande appassionato di finanza affascinato dal mondo delle criptovalute. Orgoglioso proprietario di cani, topo di biblioteca, attivista sociale e tifoso dell’Arsenal FC.

Utilizziamo i cookie per essere sicuri che tu possa avere la migliore esperienza sul nostro sito. Se continui ad utilizzare questo sito noi assumiamo che tu ne sia felice.