banner
Bitcoin vicino ai livelli di gennaio 2018
Bitcoin vicino ai livelli di gennaio 2018
Criptovalute

Bitcoin vicino ai livelli di gennaio 2018

By Federico Izzi - 30 Ott 2020

Chevron down

Si avvia a concludersi la settimana che chiude anche il mese di ottobre, con Bitcoin che è tornato vicino ai livelli di gennaio 2018. 

Se Bitcoin dovesse confermare i livelli attuali delle ultime ore, terminerà con la chiusura mensile più alta dal dicembre 2017.

È il terzo mese per intensità rialzista in termini percentuali da inizio anno. Ha fatto meglio solamente aprile (+34%) e luglio (+24), mentre attualmente siamo poco sotto il 24% come guadagno su base mensile.

In termini di valore, per un rialzo più muscoloso, bisogna risalire al maggio 2019 quando in un mese Bitcoin segnò un volo di oltre 2.500 dollari.

Ciò che fa effetto è che Bitcoin ha avuto una storia a sé in questo mese di ottobre. Se andiamo ad analizzare le coin più conosciute e datate, Bitcoin con la chiusura mensile attesa nelle prossime ore, riporta alla memoria il precedente rally di fine 2017. Prendendo in riferimento i valori di dicembre 2017, è l’unica crypto che indica il recupero di quei livelli, quando era in corso la piena bolla speculativa delle ICO.

Bitcoin vs altcoin: da gennaio 2018 ad oggi

Facendo un confronto tra Bitcoin e  token più famosi e di maggiore capitalizzazione, da gennaio 2018 fa meglio solo Binance Coin (BNB) che segna un guadagno del +38%. Si tratta del token legato al noto exchange, nato durante l’estate del 2017. 

Escludendo il token BNB, se andiamo a fare un confronto con le altre crypto più datate, i numeri sono decisamente a favore di Bitcoin, l’unico che ha un saldo positivo da gennaio 2018.

Tutti gli altri sono sotto, addirittura molto distanti dai livelli di fine 2017 – inizio 2018. 

Ad esempio, Ethereum dista del 70%, mentre XRP è tra le peggiori con una perdita dell’87%.

Nonostante un anno frizzante, delude anche Monero, che segna una perdita vicino al 70%, fa ancora peggio Litecoin (-75%) ed EOS (-80%), sempre da inizio 2018.

Ha perso oltre l’80% del valore anche Ethereum Classic (-81%). Bitcoin Cash ha ceduto quasi il 90% ma su questa blockchain ha pesato anche il fork di novembre 2018.

Questo fotografa molto bene quanto sta avvenendo in queste ultime settimane. Bitcoin sta scrivendo una storia a sé mentre le altcoin stanno faticando.

Federico Izzi
Federico Izzi

Analista finanziario e trader indipendente – Socio S.I.A.T. & Assob.it. Opera attivamente sui mercati azionari e dei derivati (futures ed opzioni) dal 1997. Precursore dell’analisi ciclica-volumetrica è noto per aver individuato i più importanti movimenti al rialzo ed al ribasso sui mercati finanziari degli ultimi anni. Partecipa annualmente come relatore all’ ITForum di Rimini dall’edizione del 2010 ed InvestingRoma e Napoli dalla prima edizione del 2015. Interviene come ospite ed esperto dei mercati durante le trasmissioni “Trading Room” e “Market Driver” di Class CNBC, Borsa Diretta.tv e nel TG serale di Traderlink. Da luglio 2017 è ospite fisso su LeFonti.TV nell’unico spazio nazionale settimanale dedicato alle criptovalute insieme ai più importanti esperti internazionali del settore. Periodicamente pubblica articoli su ITForum News, Sole24Ore, TrendOnLine, Wall Street Italia. E’ stato intervistato in qualità di esperto di criptovalute per: Forbes Italia, Panorama, StartupItalia, DonnaModerna. E’ stato riconosciuto come primo analista tecnico italiano ad aver pubblicato la prima analisi ciclica secolare sul Bitcoin. Federico Izzi è… Zio Romolo

Utilizziamo i cookie per essere sicuri che tu possa avere la migliore esperienza sul nostro sito. Se continui ad utilizzare questo sito noi assumiamo che tu ne sia felice.