banner
Bitcoin da record ad un passo dai prezzi del 2017
Bitcoin da record ad un passo dai prezzi del 2017
Trading

Bitcoin da record ad un passo dai prezzi del 2017

By Federico Izzi - 18 Nov 2020

Chevron down

In poco più di 48 ore il prezzo di Bitcoin ha messo a segno un rialzo di oltre 1500 dollari, riportando le quotazioni vicino ai 18.500 dollari, ovvero ad un passo dal record storico dei 19.900 stabilito a metà dicembre ‘17. 

Nonostante siano passati solamente tre giorni, il saldo della settimana registra un guadagno di oltre il 13% dalla chiusura di domenica notte. 

Nell’ultimo anno solamente due volte la chiusura settimanale (a sette giorni da lunedì a domenica) è riuscita a chiudere con guadagni più elevati su base percentuale: l’ultima settimana di marzo e l’ultima settimana di aprile. 

Per trovare un guadagno maggiore calcolato su 48 ore consecutive, sul prezzo, bisogna ritornare al 25-26 ottobre 2019 quando il rally del Bitcoin spinse i prezzi a guadagnare oltre 1700 dollari. 

In quelle ore il presidente cinese Xi Jinping autoproclamò la Nazione del dragone come leader nella guida della tecnologia blockchain.    

coin360 20201118
Fonte: COIN360.com

Bitcoin non trascina il settore crypto

L’attuale rialzo di Bitcoin non viene accompagnato dal resto del settore con performance nettamente inferiori e prevalenza generale del segno rosso. Tra le prime 100 capitalizzate oltre il 75% oggi si muovono sotto la parità. 

Per trovare un rialzo migliore del Bitcoin, oggi in salita oltre l’8% dai livelli di ieri mattina, bisogna scorrere la classifica sino alla 34a posizione occupata da Yearn.Finance (YFI) che mantiene i ritmi della risalita superando il 10% nelle ultime 24 ore.

YFI 20201118

Dal minimo toccato il 5 novembre a 7500 USD, è iniziata la scalata del token YFI che oggi registra un recupero di oltre il 200%, con prezzi tornati a 24.000 USD, livelli di fine settembre.

Per la prima volta dall’inizio febbraio 2018 la capitalizzazione totale sale oltre i 510 miliardi di dollari. Incide l’evoluzione del Bitcoin: per la prima volta oltre i $340 miliardi di capitalizzazione totale, BTC segna il record assoluto conquistando il 67% della quota di mercato, livello più alto da maggio. 

Si mantiene stabile ai livelli degli ultimi giorni la dominance di Ethereum all’11,1% e di XRP al 2,6%.  

DeFiPulse 20201118

DeFi

Sono oltre 100mila gli Ethereum ritirati nelle ultime 48 ore dai vari progetti decentralizzati, incidendo sul valore totale immobilizzato. Si mantiene sopra i $13,5 miliardi il totale del valore bloccato (TVL) sui progetti finanziari decentralizzati che continua a soffrire del deflusso di collaterale dal DEX Uniswap dopo la fine del rendimento offerto agli utenti. 

Motivo che fa scivolare Uniswap in quarta posizione nella classifica dei principali protocolli deposito di valore, superata da Compound che con $1,5 miliardi conquista la terza posizione. Da ieri il progetto decentralizzato di Maker mantiene la prima posizione con oltre $2,4 miliardi. Rimane elevato il ritiro degli ETH bloccato come collaterale.

BTC 20201118
Grafico Bitcoin by Tradingview

Bitcoin (BTC) da record

Continua la salita del prezzo che si porta ad un passo dei 19.000 USD. In passato solamente tre volte il prezzo superò questa barriera per tre giorni consecutivi, il 16 il 17 e il 18 dicembre 2017, ma solamente una volta, il 17 dicembre, riuscì a mantenere questi livelli in chiusura di giornata. 

Con prezzi in territorio quasi sconosciuto e con numeri che iniziano a sfidare le forze gravitazionali, diventa difficile offrire un’analisi tecnica attendibile. 

Anche le strategie in opzioni non aiutano con protezioni al rialzo diventate deboli dopo la rottura delle precedenti resistenze posizionate tra i 17.800 e 18.100 dollari. In queste condizioni è meglio osservare un proseguimento della salita e valutare aree di supporto dove proteggere i recenti guadagni nel caso di veloci inversioni.

ETH 20201118
Grafico Ethereum by Tradingview

Ethereum (ETH)

Nelle ultime ore i prezzi di Ethereum beneficiano di quanto sta accadendo a Bitcoin. Ethereum sale nelle ultime ore ad un passo dai 500 dollari, registrando un nuovo record anche se di pochi dollari superiore dal precedente di poche settimane fa. È il livello più alto da luglio 2019. 

È una salita dal passo più lento, con una performance decisamente inferiore a Bitcoin (+2,7%), che dovrà essere confermata già nelle prossime ore. 

I prezzi di ETH salendo sopra i 500 dollari stanno stabilendo un trend decisamente meno intenso del Bitcoin ma comunque importante, un trend solido che dovrà trovare conferme nei prossimi giorni. 

ETH non dovrà accusare particolare influenza di ciò che accadrà a Bitcoin, nella buona e cattiva sorte, senza registrare inversioni trend. I movimenti non devono comunque tornare sotto i 455 dollari nelle prossime ore. 

Federico Izzi
Federico Izzi

Analista finanziario e trader indipendente – Socio S.I.A.T. & Assob.it. Opera attivamente sui mercati azionari e dei derivati (futures ed opzioni) dal 1997. Precursore dell’analisi ciclica-volumetrica è noto per aver individuato i più importanti movimenti al rialzo ed al ribasso sui mercati finanziari degli ultimi anni. Partecipa annualmente come relatore all’ ITForum di Rimini dall’edizione del 2010 ed InvestingRoma e Napoli dalla prima edizione del 2015. Interviene come ospite ed esperto dei mercati durante le trasmissioni “Trading Room” e “Market Driver” di Class CNBC, Borsa Diretta.tv e nel TG serale di Traderlink. Da luglio 2017 è ospite fisso su LeFonti.TV nell’unico spazio nazionale settimanale dedicato alle criptovalute insieme ai più importanti esperti internazionali del settore. Periodicamente pubblica articoli su ITForum News, Sole24Ore, TrendOnLine, Wall Street Italia. E’ stato intervistato in qualità di esperto di criptovalute per: Forbes Italia, Panorama, StartupItalia, DonnaModerna. E’ stato riconosciuto come primo analista tecnico italiano ad aver pubblicato la prima analisi ciclica secolare sul Bitcoin. Federico Izzi è… Zio Romolo

Utilizziamo i cookie per essere sicuri che tu possa avere la migliore esperienza sul nostro sito. Se continui ad utilizzare questo sito noi assumiamo che tu ne sia felice.