banner
Le differenze tra Bitcoin e CBDC
Le differenze tra Bitcoin e CBDC
Bitcoin

Le differenze tra Bitcoin e CBDC

By Marco Cavicchioli - 29 Nov 2020

Chevron down

Le CBDC (Central Bank Digital Currency) sono le valute digitali emesse dalle banche centrali, mentre Bitcoin non è emesso da alcun singolo soggetto.

Nonostante entrambe le tipologie di monete si basino su alcune tecnologie simili, le similitudini di fatto si limitano a questo. 

Infatti se dal punto di vista tecnico ci sono sia importanti differenze che cose in comune, dal punto di vista finanziario invece le cose in comune sono pochissime e non particolarmente rilevanti, mentre invece le differenze sono fondamentali e di importanza epocale. 

Innanzitutto va evidenziato come le CBDC non siano altro che versioni nativamente digitali delle normale valute fiat nazionali che tutti utilizziamo ormai da secoli. 

Tali valute fiat nacquero come strumenti fisici, non digitali, e per questo motivo non hanno mai potuto sfruttare appieno la rivoluzione digitale in atto ormai da qualche decennio. 

Le CBDC nate dal successo di Bitcoin

Con il successo di Bitcoin, anche le banche centrali, che emettono e gestiscono le tradizionali valute fiat, hanno iniziato a prendere in considerazione l’emissione di valute digitali, ma semplicemente come versioni nativamente digitali delle tradizionali valute fiat basate sulla tecnologia moderna. 

In particolare la più importante novità che le valute digitali introducono, rispetto alle valute fiat tradizionali, è un registro unico delle transazioni. 

Infatti per le tradizionali valute fiat non può esistere un registro unico di tutte le transazioni, non fosse altro per il fatto che è impossibile registrare ad esempio tutte le transazioni che avvengono in contanti, con lo scambio fisico di monete metalliche o banconote.

Invece Bitcoin, e le criptovalute, sono basate su un registro unico (la blockchain), che rende possibile controllare e verificare tutte le transazioni, assicurandosi che siano corrette. 

Le CBDC introducono anche nelle valute fiat un registro unico, creato, gestito e controllato dalle banche centrali. 

Ad esempio il registro unico di Bitcoin, ovvero la sua blockchain, è creato e gestito solo ed esclusivamente dal suo protocollo informatico pubblico ed open source, tanto da non essere manipolabile da nessuno. 

Inoltre, essendo la blockchain pubblica, tutte le transazioni possono essere verificate da chiunque, sebbene anonime. 

Invece le transazioni delle CBDC non saranno anonime, visto che gli intermediari che svilupperanno i sistemi di pagamento basati su di esse avranno l’obbligo, come ora, di verificare l’identità degli utenti. Pertanto il registro molto probabilmente non sarà pubblico. 

Inoltre le CBDC condivideranno con le valute fiat la loro natura inflattiva, visto che il loro valore sarà esattamente lo stesso della valuta fiat a cui saranno appoggiate, e tale rimarrà per sempre. 

Bitcoin invece nasce proprio come possibile alternativa deflattiva alle valute fiat inflattive, pertanto da questo punto di vista squisitamente finanziario ne è l’esatto opposto. 

Quest’ultimo punto rende anche evidente come Bitcoin non sia un sostituto a tutto tondo delle valute fiat, ma solamente per quegli utilizzi in cui la presunta natura deflattiva lo rende maggiormente competitivo. 

In altre parole Bitcoin concorre con le valute fiat soprattutto come riserva di valore, o come ipotetica protezione dei risparmi dalla perdita di valore dovuta all’inflazione. 

Invece le CBDC concorrono direttamente con le valute fiat, di cui però sono solamente un aggiornamento che sfrutta le recenti tecnologie per renderle più facili da utilizzare, e soprattutto da tracciare. 

La battaglia tra Bitcoin e le CBDC pertanto non ha ragione di esistere, se non come parte della competizione di Bitcoin con le valute fiat, mentre non esiste alcuna contrapposizione tra CBDC e valute fiat, visto che sostanzialmente sono la stessa cosa, solamente in forma diversa.

Marco Cavicchioli
Marco Cavicchioli

Classe 1975, Marco è un docente di web-technologies e divulgatore online specializzato in criptovalute. Ha fondato ilBitcoin.news, ed il suo canale YouTube ha più di 25mila iscritti.

Utilizziamo i cookie per essere sicuri che tu possa avere la migliore esperienza sul nostro sito. Se continui ad utilizzare questo sito noi assumiamo che tu ne sia felice.