banner
Diem (ex Libra), David Marcus conferma il lancio nel 2021
Diem (ex Libra), David Marcus conferma il lancio nel 2021
Stable Coin

Diem (ex Libra), David Marcus conferma il lancio nel 2021

By Eleonora Spagnolo - 8 Dic 2020

Chevron down

Il lancio di Diem (ex Libra) avverrà insieme al wallet Novi nel 2021. Lo ha confermato David Marcus, a capo di Facebook Financial e Novi, al Singapore FinTech Festival. 

Di fatto è la conferma di quanto già rivelato al Financial Times nei giorni scorsi, pochi giorni prima del rebranding da Libra a Diem. 

La stablecoin di Facebook ha dovuto cambiare nome visto che ormai il progetto originale non era più percorribile data l’ostilità dei regolatori. Doveva essere una stablecoin ancorata ad un paniere di valute fiat. Tuttavia, a quanto pare, sarà ancorata almeno in un primo momento solo al dollaro statunitense. 

Ma l’ostilità dei regolatori è tuttavia ancora presente.

Diem, lancio nel 2021 

Lo stesso David Marcus ha detto:

“Spero che riusciremo a partecipare con … Novi e Diem e i grandi cambiamenti del 2021, in attesa delle approvazioni normative dove dovremo ottenerle”.

A proposito di regolatori, David Marcus ha dichiarato:

“Non credo che quello che chiediamo sia solo fiducia immediata. Penso che… quello che chiediamo sia almeno il beneficio del dubbio”. 

Effettivamente i regolatori temono proprio che Diem possa essere usata per scopi illeciti. 

In questo senso si inserisce anche una proposta di legge che vuole regolamentare le stablecoin imponendo licenze bancarie e riserve obbligatorie tra le altre cose. 

David Marcus ha anche sottolineato la buona fede di Facebook, perché, ha detto, Facebook avrebbe potuto fare tutto da sola, costruiendosi la sua stablecoin e lanciarla tramite Whatsapp o Messenger. 

Al contrario, Facebook ha cercato di essere quanto più inclusiva possibile, coinvolgendo altre aziende confluite nella Libra (ora Diem) Association. 

“Penso che tutte quelle cose che abbiamo fatto – che hanno creato ogni tipo di complicazione nell’esecuzione di questa visione – siano una buona ragione per darci il beneficio del dubbio in termini delle nostre intenzioni e di ciò che abbiamo intenzione di fare qui”.

Diem non convince le autorità

Le buone intenzioni di David Marcus e del progetto Diem sembrano non trovare ancora credibilità. 

Nei giorni scorsi infatti il ministro delle finanze tedesco, Olaf Scholz, ha dichiarato a proposito del cambio nome di Libra:

“Un lupo travestito da pecora è sempre un lupo. Mi è chiaro che la Germania e l’Europa non possono e non vogliono accettare il suo ingresso nel mercato, mentre i rischi normativi non sono adeguatamente affrontati. Dobbiamo fare tutto il possibile per far sì che il monopolio valutario rimanga nelle mani degli Stati”.

Lo ha detto durante una riunione del G7 dei ministri delle finanze. 

Ciò dimostra che la strada da fare per Diem è molta. L’obiettivo di Facebook è far diventare Diem un mezzo finanziario di pagamento che sia inclusivo. Il timore delle autorità è che si crei una moneta alternativa a quelle delle banche centrali, nelle mani di un privato, che conta già 2 miliardi di utenti. 

Sarebbe una minaccia alla sovranità monetaria. E questo spiega perché i regolamentatori siano tanto ostili.

Eleonora Spagnolo
Eleonora Spagnolo

Giornalista con la passione per il web e il mondo digitale. È laureata con lode in Editoria multimediale all’Università La Sapienza di Roma e ha frequentato un master in Web e Social Media Marketing.

Utilizziamo i cookie per essere sicuri che tu possa avere la migliore esperienza sul nostro sito. Se continui ad utilizzare questo sito noi assumiamo che tu ne sia felice.