banner
Mike Novogratz e la benedizione per le criptovalute
Mike Novogratz e la benedizione per le criptovalute
Criptovalute

Mike Novogratz e la benedizione per le criptovalute

By Eleonora Spagnolo - 22 Dic 2020

Chevron down

Per Mike Novogratz il Coronavirus ha accelerato la transizione verso le criptovalute. 

Questo il senso di un’intervista rilasciata a Raoul Pal e al suo programma Real Vision.

Durante i 55 minuti di podcast, Mike Novogratz ha analizzato l’attuale situazione del mercato delle criptovalute comparandola al 2017. In entrambi i casi Bitcoin era in forte ascesa, ma secondo il CEO di Galaxy Digital, la bolla del 2017 questa volta non è destinata a ripetersi. 

Nel 2017 infatti non c’era la crisi economica che tutto il mondo sta vivendo in questi mesi a causa del Covid. La pandemia è definita da Novogratz:

“Una benedizione per la rivoluzione crypto” 

Infatti, per contrastare la crisi, le misure messe in atto dai governi, con in testa gli Stati Uniti, non sono state altro che una iniezione di liquidità anche per le criptovalute. La pandemia inoltre ha accelerato la transizione verso il digitale, rendendo anche i cittadini comuni più a loro agio nell’utilizzare un wallet digitale. 

Mike Novogratz e le criptovalute

Mike Novogratz è sempre stato un convinto sostenitore di Bitcoin e delle criptovalute. Quella rilasciata a Real Vision non è che l’ultima intervista contenente dichiarazioni entusiastiche.

Altre le ha affidate al suo profilo Twitter.

Ad esempio nei giorni scorsi, dopo la serie di tweet su Bitcoin e Dogecoin di Elon Musk, si è spinto a comparare Bitcoin e il titolo Tesla.

“Bitcoin avrà una capitalizzazione di mercato maggiore di quella di $TSLA entro 6 mesi. Entrambi sono “religioni”, sebbene Tesla ha molto da rischiare con Elon Musk, mentre Bitcoin è posseduto e sostenuto da una gigante community decentralizzata che sta crescendo ogni giorno. È una scommessa sulla gestione del rischio. Per trasparenza, io possiedo 2 TSLAs.”

A proposito di investimenti, Mike Novogratz ha ammesso di avere circa la metà del suo patrimonio (che ammonta a 700 milioni di dollari) investito in criptovalute. Ha sostenuto inoltre che sarebbe opportuno che ogni investitore allocasse il 5% del suo patrimonio in Bitcoin

La sua tesi è che Bitcoin potrà ritracciare (come sta avvenendo in questi giorni a seguito del picco di 24.000 dollari), ma non potrà azzerarsi. 

La strada a detta di Novogratz è tracciata, e non si torna indietro.

Eleonora Spagnolo
Eleonora Spagnolo

Giornalista con la passione per il web e il mondo digitale. È laureata con lode in Editoria multimediale all’Università La Sapienza di Roma e ha frequentato un master in Web e Social Media Marketing.

Utilizziamo i cookie per essere sicuri che tu possa avere la migliore esperienza sul nostro sito. Se continui ad utilizzare questo sito noi assumiamo che tu ne sia felice.